Tenta di sedare una lite ad Acireale, carabiniere raggiunto da un colpo di pistola. È grave

Loading...

Un carabiniere si trova in queste ore ricoverato in gravi condizioni in ospedale, dopo essere stato raggiunto da un colpo di pistola. Il militare era intervenuto per sedare una lite quando qualcuno ha sparato. Al momento le sue condizioni sarebbero gravi, il proiettile avrebbe raggiunto il midollo.

Il militare si trova ora ricoverato presso l’ospedale di Catania, la prognosi è riservata e sarà sottoposto ad un intervento chirurgico. L’aggressore è stato bloccato dalla compagnia di Acireale.

Tenta di sedare una lite ma gli sparano: grave carabiniere

Stava sedando una lite tra due coniugi quando è stato raggiunto da un colpo di pistola al collo, ora un carabiniere è ricoverato in ospedale.

Loading...

Secondo le prime frammentarie informazioni, si tratterebbe di un vicebrigadiere Sebastiano Giovanni Grasso, di 43 anni, effettivo alla Stazione di Aci Sant’Antonio (Catania). Al momento della brutale aggressione il militare non sarebbe stato in servizio ma avrebbe deciso di intervenire ugualmente, in soccorso ad alcuni colleghi del Nucleo operativo radiomobile già presenti per sedare l’alterco.

sparare il colpo sarebbe stato un uomo di 69 anni; il proiettile ha raggiunto il militare al collo. Trasportato d’urgenza presso l’ospedale di Catania, al momento è in prognosi riservata ma, secondo quanto riferisce AdnKronos i medici sospettano una lezsione al midollo e sottoporrano il paziente ad operazione chirurgica.

Una prima dinamica della sparatoria ad Acireale

Secondo quanto si legge su testate locali, il vicebrigadiere non era in servizio e si trovava nei pressi della Chiesa di Santa Maria degli Ammalati ad Acireale. All’interno della chiesa, riferisce Catania Today, era in corso una cerimonia di prima Comunione; mentre sul sagrato una coppia di ex coniugi aveva iniziato a litigare.

Pare che la funzione religiosa fosse in diretta streaming, proprio dal video è stato possibile per i carabinieri della compagnia di Acireale di identificare il momento dello sparo, che ha scatenato il panico tra i presenti.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.