Non è l’Arena, Matteo Renzi: “Questo non è più il mio governo. Ma lo sostengo: ecco perché”

Loading...

E perché mai Matteo Renzi continua a stare dentro a un governo di cui non sembra condividere nulla? Forse per la poltrona? A pensar male si fa peccato? A dare delle risposte, ospite in collegamento a Non è l’arena di Massimo Giletti su La7, la puntata è quella di domenica 7 giugno, ci pensa il diretto interessato, il leader di Italia Viva, che esordisce con un roboante: “Questo non è più il mio governo“. Così in risposta a Giletti che gli chiedeva se, in maggioranza, fosse ascoltato. Renzi, insomma, ammette di non avere nulla a che spartire con l’esecutivo giallorosso. E aggiunge: “Ai tempi del jobs act mi assumevo le responsabilità: era colpa o merito mio, ero il responsabile. Oggi non è così, la situazione è molto più impaludata. Sono a un bivio. O sto lì e dico tutto quello che non va. Oppure posso cercare piano piano di spingere perché qualcosa vada. Se, ad esempio, si è anticipato di 15 giorni l’apertura o si è tolta almeno in parte l’Irap alle aziende… il punto fondamentale è mettere la bocca su tutte le idee che vorrei tirar fuori e cercare di dare una mano concreta, piccolina e pragmatica per risolvere qualcosa – rimarca -. Ma è chiaro che ci siano tante contraddizioni. Si tratta di trovare un faticoso compromesso. Anche a prezzo, posso dirlo, di un certo dolore personale: io ho dovuto fare accordi con persone che su di me hanno detto cose incredibili. Ho una causa aperta con Beppe Grillo per diffamazione”, conclude Matteo Renzi.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.