Giuseppe Conte e Matteo Salvini, la telefonata di fuoco: “Qui nessuno fa schedature o censimenti”

Prima c’è stata la nota ufficiale, poi la telefonata. Il premier Giuseppe Conte ha deciso di uscire allo scoperto sulla questione della “schedatura dei rom”, per mettere i puntini sulle “i” e anche per contenere la valanga di dichiarazioni e slogan che il suo vice e segretario della lega ha rovesciato sui media in queste prime due settimane abbondanti di governo giallo-verde.

“Qui nessuno ha in mente di fare ‘schedature’ o censimenti su base etnica, che sarebbero peraltro incostituzionali in quanto palesemente discriminatori. Ben vengano, invece, iniziative mirate a verificare l’accesso dei bambini a scuola”. E ancora: “Obiettivo del governo è individuare e contrastare tutte le situazioni di illegalità e di degrado ovunque si verifichino, in modo da tutelare la sicurezza di tutti i cittadini”.

Ovvio che il destinatario non nominato, prima ancora di giornali e tv, sia Matteo Salvini. E per eliminare ogni dubbio o incomprensione, ieri il premier ha anche chiamato al telefono il suo ministro dell’Interno, i cui toni rischiano di urtare sensibilità nel governo o nella maggioranza. Ma Salvini, interpellato al riguardo, non si scompone: “Ognuno ha i suoi toni – spiega il leghista al Corsera – io gli ho spiegato che il censimento dei rom possiamo chiamarlo controllo o verifica del rispetto, negli insediamenti rom, del codice penale. Conte non ha aggiunto altro, ma nei giorni scorsi erano state riportate alcune sue riflessioni sulla condotta dello Stesso Salvini: “Non può andare avanti così, perchè rischiamo di non reggere”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.