ITALIA, TERRIBILE TRAGEDIA IN SPIAGGIA: BAGNANTI SOTTO CHOC

L’estate ormai è giunta quasi al capolinea e gli italiani non vedevano l’ora che arrivasse la bella stagione dopo due anni trascorsi con la pandemia di Covid, che ha imposto anche ai gestori degli stabilimenti balneari le regole di distanziamento sociale e dell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Insomma dopo le restrizioni si sta trascorrendo una estate tutto sommato tranquilla, anche se il Covid rimane sempre dietro l’angolo e bisogna utilizzare tutta la prudenza necessaria.

Come ogni anno la cronaca è purtroppo piena di incidenti che accadono sul nostro litorale italiano, da Nord a Sud. Spesso si tratta di malori che avvengono in spiaggia o di annegamenti, circostanza quest’ultima in cui purtroppo ogni anno tantissime persone perdono la vita. Ciò avviene per i motivi più disparati. In queste ore una assurda tragedia si è verificata su una spiaggia italiana, vediamo che cosa è accaduto.

MORTE IMPROVVISA, BAGNANTI SOTTO SHOCK

Come stiamo avendo modo di vedere un pò dappertutto, questi sono i giorni cruciali delle vacanze estive, che già di per sè in questa stagione sono stati funestati da terribili drammi che hanno sconvolto intere comunità. Purtroppo dobbiamo dare conto di un’altra terribile tragedia accaduta in spiaggia. 

Il dramma in questione s’è verificato sotto gli occhi attoniti di numerosi bagnanti che affollavano il litorale di Andora, una località marittima della provincia di Savona. I soccorsi sono scattati immediatamente ma purtroppo non si è potuto far nulla per salvare la vita a Tomasino Testa, di 63 anni e residente in provincia di Cuneo.

Da quanto si apprende il malcapitato sarebbe deceduto in spiaggia davanti agli altri bagnanti a causa di una emorragia cerebrale. Al momento si deve stabilire quali siano le cause che hanno portato la vittima ad avere una emorragia cerebrale, saranno le indagini a chiarire sicuramente questi particolari. I funerali della vittima, ricevuto il nulla osta dalle autorità, si sono tenuti nella chiesa parrocchiale di Bricco, sempre in provincia di Cuneo. L’uomo lascia la moglie e un figlio, ma anche due sorelle ed un fratello.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.