“NON SI ERA MAI VISTA UNA COSA COSÌ SCHIFOSA SU UN PALCO”. LA FAMOSA CANTANTE LO FA DAVANTI A TUTTI

Se il mondo è bello perché è vario, tra le celebrity questo detto è stratosfericamente amplificato perché le star del cinema che sfilano sul red carpet e i cantanti di fama internazionale inventano look, trasformandosi in icone di stile, e lanciano mode a dir poco sconvolgenti.

Si tratta di tendenze emulate specie dai ragazzini e dagli amanti dei social che, pur di seguire le gesta dei loro beniamini del mondo televisivo, cinematografico e musicale, sono disposti a tutto.

Le star americane sono le più sfrontate, se ne fregano delle opinioni altrui, lanciano mode facilmente contestabili da chi soffre di bigottismo, tipo l’andare a gettare la spazzatura in lingerie, pur di attirare gli sguardi per nulla indiscreti dei paparazzi, ma si spingono anche ben oltre.

Ecco allora che è facile chiedersi: dove finisce il voler distinguersi dalla massa, esasperando la propria libertà e dove, invece, si parla di eccessi tendenti o al ridicolo o alla maleducazione.

Perché se è vero che i vip, nostrani e internazionali, sono presi come esempi quanto al make-up, agli outfit, alle acconciature spesso psichedeliche, sorge spontanea una domanda: quanto questi personaggi famosi sono davvero se stessi e quanto “recitano” pur di scalare le classifiche ed essere ricordati per qualcosa, pur non spiccando per talento?

A proposito di eccessi, ormai la storia di una cantante d’oltreoceano, è diventata virale. L’episodio che l’ha vista protagonista ha fatto, in men che non si dica, il giro del web e non sono mancate le polemiche. L’episodio increscioso, anzi, oserei dire, disgustoso, si è consumato qualche sera fa a Daytona Beach e, per effetto boomerang, questa celebrità è diventata più famosa di quanto lo fosse, ossia quello che ha fatto le è tornato indietro con maggior seguito di fan. Ma di chi parlo? Di un’eccentrica cantante che ha avuto anche il coraggio di scusarsi pubblicamente sui social dopo aver commesso un gesto assurdo.

Concorrente di The Voice edizione Usa nel 2016, oggi 36enne, l’esuberante Sophia Urista, cantante dei Brass Against, seppur sempre provocatoria, anticonvenzionale, non aveva mai osato spingersi così tanto. Stavolta ha superato per davvero le aspettative, dato che questa ex studentessa di medicina, appassionata di musica, legata sentimentalmente dal 2015 ad una istruttrice di fitness famosissima, Jess King, con tanto di ufficializzazione della love story su Instagram, stavolta è andata ben oltre quello che i nostri occhi vorrebbero vedere.

L’’11 novembre scorso, Sophia Urista, mentre si stava esibendo sul palco del Welcome to Rockville Festival con un’adrenalina in corpo da far invidia a chiunque, ad un certo punto si è …lasciata andare (nel senso letterale del termine) . La cantate ha invitato un fan sul palco, lo ha fatto sdraiare, gli si è piazzata sopra e ha iniziato ad urinargli in faccia fortemente, dopo essersi calata pantaloni e mutandine.

E tra il pubblico in delirio, il fan urinato al settimo cielo e il gruppo che ha proseguito la performance come se nulla fosse, tutto si è concluso per il meglio. Poche ore dopo, sul profilo della band, è comparso questo post: “Ci siamo divertiti molto ieri sera a Welcome to Rockville. Sophia si è lasciata trasportare. Non è qualcosa che ci aspettavamo, e non è qualcosa che vedrete di nuovo ai nostri spettacoli”.

La diretta interessata ha dichiarato: “Ho sempre messo dei limiti nella musica e sul palco. Quella notte ho spinto troppo oltre i limiti. Amo la mia famiglia, la band, e i fan più di qualsiasi altra cosa e so che alcuni si sono sentiti urtati e offesi da ciò che ho fatto. Chiedo scusa a tutti loro e voglio che sappiano che non ho fatto quel gesto per urtarli. Non sono un’artista dedita ai gesti scioccanti. Io voglio sempre mettere la musica prima di tutto”. Quasi a voler dire: quando il bisogno fisiologico scappa, scappa!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.