Italia, auto si schianta sulla folla. Gli ultimi aggiornamenti

Loading...

Un’auto fuori controllo è finita questa mattina nell’area pedonale di piazza Santo Spirito, nel centro di Firenze, dove era in corso il mercato. E’ successo poco prima di mezzogiorno.Coinvolte cinque persone, tra cui due bambini, urtate dal mezzo e sbalzate a terra. Nessuno sarebbe grave.

Alla guida della vettura c’era un 74enne, la cui posizione è al vaglio della polizia municipale.Ci sono stati anche attimi di tensione nella piazza, dove erano presenti molte persone: dopo l’incidente alcuni dei presenti hanno circondato la vettura, una Fiat 500, con l’intenzione di impedire un’eventuale fuga da parte dell’automobilista.

Loading...

E non sarebbe mancato qualche pugno contro la carrozzeria della vettura.La polizia municipale intervenuta sul posto ha dovuto cordonare l’area per allontanare i presenti, per effettuare i rilievi ma anche a tutela del conducente della vettura. Secondo una prima ricostruzione, l’auto era in sosta in via Mazzetta, la strada che collega piazza Pitti a piazza Santo Spirito, dove si stava svolgendo il mercato.

Il conducente ha messo in moto e, per cause in corso di accertamento, è partito in retromarcia finendo nell’area pedonale e urtando cinque persone, per poi finire la corsa contro un furgone del mercato.Secondo i primi accertamenti, sarebbe escluso il gesto volontario.

Al momento, secondo quanto appreso da fonti investigative, l’ipotesi è che si sia trattato di un errore da parte del guidatore. I feriti apparterrebbero a due distinti nuclei familiari. I due bimbi colpiti, di tre e quattro anni e non entrambi di quattro anni come scritto in precedenza, si trovavano su dei passeggini.

Sono stati portati via in ambulanza in codice rosso, quello di massima urgenza, che poi è stato declassato una volta arrivati in ospedale. Le loro condizioni, secondo quanto appreso, non desterebbero preoccupazione, così come quelle degli altri feriti.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.