Matteo Bassetti, il dramma: “E’ successo alle 3 del mattino”

Genova –  “Lo strumento migliore, oggi, per cercare di incentivare la vaccinazione è l’estensione del green pass a altre attività”, perché “l’80% della popolazione vaccinata non basta nei confronti della variante Delta, che provoca una malattia con una contagiosità simile varicella. Quindi dobbiamo tendere a oltre il 90% per coprire con l’immunità di gregge i non vaccinati”.

Così ad Agorà, su Rai Tre, Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova. “In questa estate – ha aggiunto – abbiamo fatto fare ai medici il mestiere dei politici. Il mestiere dei medici è dire vacciniamo più persone possibile”. Per farlo “si vorrà estendere il green pass a altri contesti lavorativi?

Si vorrà togliere dal green pass il tampone? Sono ipotesi fattibili. Quello che mi spiace – ha proseguito – è che abbiamo fatto diventare i vaccini un argomento di lotta politica. Questo è forse la dimostrazione di una classe politica non all’altezza”. La vaccinazione, ha concluso Bassetti, “è un atto d’amore verso noi stessi.

Vaccinarsi significa evitare di contrarre una malattia grave e evitare di intasare le terapie intensive e ospedali, cosa che probabilmente succederà nel prossimo autunno”. Bassetti ha parlato anche delle minacce che continua a ricevere: “Stanotte ho ricevuto ancora tre telefonate tra mezzanotte e le 3 del mattino… 

Continuano, purtroppo, con minore insistenza negli ultimi giorni anche perché avranno capito buona parte di loro che le Procure stanno lavorando e quando si arriverà alla fine, credo, che qualcuno piangerà“. “L’insulto della piazza dei no vax non è contro i giornalisti o contro di me, ma contro tutti gli italiani che diligentemente hanno fatto il proprio dovere, vaccinandosi”, ha detto anche Bassetti.

“I no vax – ha aggiunto – non insultano Burioni o il presidente Draghi insultano tutti gli italiani che si sono vaccinati. A me non interessano, perché saranno perseguiti dalla legge, ma insultano la stragrande maggioranza degli italiani e soprattutto i giovani che si stanno vaccinando, dando l’esempio ai 50enni con la sindrome di Superman”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.