L’annuncio di Bassetti gela gli italiani: “Una nuova malattia..”

Loading...

Attenzione a sottovalutare la risalita dei contagi del Covid. A lanciare un monito a tutta Italia è Matteo Bassetti, direttore di infettivologia dell’Ospedale San Martino di Genova, ospite della puntata del 25 agosto di Coffee Break, programma in onda su La7.

L’infettivologo alza l’asticella della popolazione da vaccinare per essere al sicuro, altrimenti si corre il rischio di finire nuovamente con numeri da lockdown: “Credo che l’80% della popolazione vaccinabile sia il minimo sindacale, non credo che con tale soglia si leverà completamente il rischio di vedere i nostri ospedali pieni durante i mesi di ottobre, novembre e dicembre di quel 20% di popolazione non vaccinata.

Loading...

La variante Delta è una nuova malattia, diversa rispetto a quella che abbiamo conosciuto un anno e mezzo fa, la sua contagiosità è molto maggiore rispetto al virus originale. Bisognerebbe tendere più al 90-95% di vaccinati, il che vorrebbe dire vaccinare tutta la popolazione, perché abbiamo un 5-6% di bambini sotto ai 12 anni che non possono vaccinarsi”. 

“La scienza e la medicina oggi – prosegue Bassetti – sono tutte unite per proporre l’obbligo vaccinale, a questo punto la palla passa alla politica e alle istituzioni sanitarie, se si resta così il rischio è forte e lo abbiamo detto a gran voce.

La politica deve decidere da che parte stare, se dalla parte della scienza e della medicina portando avanti l’obbligo vaccinale attraverso gli strumenti che vorrà lei per vaccinare tutta la popolazione, come ad esempio levare dal green pass il tampone negativo.

Chi può essere vaccinabile non può ottenere il green pass con il tampone. Oppure usasse altri strumenti, come i luoghi di lavoro sicuri, ma sono decisioni che spettano alla politica. Con la variante delta – l’avvertimento conclusivo del professore ligure – c’è il rischio di un ottobre molto molto caldo”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.