La Germania stanga l’Italia: «È una zona ad alto rischio». E inasprisce le regole per chi viaggia

Loading...

La Germania di Angela Merkel ha dichiarato tutta Italia zona ad alto rischio a causa del forte aumento dei casi di coronavirus nel nostro Paese, dopo che nei giorni scorsi aveva escluso la Calabria. Le regioni classificate come aree a rischio dal Robert Koch Institute (Rki) includono: Danimarca – con l’eccezione della Groenlandia e delle Isole Faroe; la Grecia settentrionale e la provincia che circonda Atene; tutto il Portogallo continentale; la maggior parte della Svezia. Inoltre, sono state aggiunte regioni in Estonia, Lettonia, Lituania e Norvegia.

Loading...

Germania, test obbligatori per i viaggiatori

Le nuove valutazioni avranno effetto a partire da domenica. La Germania richiede test obbligatori per i viaggiatori che tornano da regioni classificate come aree a rischio che può essere “abbreviato” se ci si sottopone al tampone Covid. A seconda delle regole emanate dai singoli stati federali, potrebbe essere richiesta anche la quarantena. Un Paese o una regione è classificato come area a rischio se supera la soglia di 50 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti nell’arco di sette giorni. Gran parte della Germania rientra in questa categoria.

La Baviera mette a disposizione la terapia intensiva

La Baviera nei giorni scorsi ha messo a disposizione cento posti letto di terapia intensiva per i pazienti provenienti dalla Repubblica ceca. La Francia, scrive Le Figaro, potrebbe presto sfruttare la vicinanza agli ospedali tedeschi per decongestionare i suoi. La stessa cosa che hanno già fatto nei giorni scorsi l’Olanda e il Belgio. Nonostante l’aumento dei contagi e il lockdown “soft” avviato in settimana, la Germania accoglie sempre più malati dal resto d’Europa. Secondo gli ultimi dati del registro del Robert Koch Institut, l’istituto superiore di sanità di Berlino, sebbene i letti di terapia intensiva occupati in tutto il Paese siano ben 21mila, gli ospedali tedeschi hanno ancora quasi 20mila posti disponibili, di cui 7mila subito e il resto allestibile in meno di una settimana.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.