Lockdown, Paolo Becchi: “Attenzione alla rivolta degli oppressi”

Loading...

Contro il lockdown. Paolo Becchi prosegue la sua battaglia contro la serrata da coronavirus, che non sembra ancora avere tempi certi. E punta il dito su Twitter, laddove rilancia un’intervista di Massimo Galli al Fatto Quotidiano, intervista in cui l’epidemiologo afferma che “il 4 maggio è troppo presto” per una riapertura. Parole stigmatizzate da Becchi, la cui dura replica viaggia sui social: “Poi non lamentatevi se il popolo oppresso da questo totalitarismo sanitario scenderà spontaneamente nelle piazze e gioiosamente e pacificamente si ribellerà, recuperando la libertà, tutte quelle libertà costituzionali che a causa di un gruppo di esperti sono state violate”, conclude il filosofo. Insomma, fate attenzione alla rivolta degli oppressi…

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.