A scuola per denunciare il bullismo sulla figlia: mamma finisce pestata

Loading...

Momenti di puro terrore per una mamma che in California è stata aggredita da un gruppo di ragazze accusate di bullismo.

Lei e il marito si erano recati alla scuola della figlia per denunciare atti di bullismo da parte di due studentesse nei confronti della 16enne. Quando queste sono venute a conoscenza dell’intenzione dei due genitori, hanno aggredito la donna picchiandola a sangue e mandandola al pronto soccorso, dove è rimasta ricoverata per due giorni.

La mamma voleva solo difendere la propria figlia

La terribile vicenda è avvenuta in California lo scorso martedì, 7 gennaio, quando Maria Guadalupe Jimenez si è recata presso la scuola frequentata dalla figlia, la James Logan High School di Union City, per denunciare al preside della struttura scolastica, maltrattamenti rivolti alla ragazza da parte di alcune studentesse frequentati lo stesso istituto. Come ha poi raccontato ai media la donna “Tutto è iniziato un anno fa. Mia figlia è stata insultata inizialmente in aula, poi la situazione è degenerata”.

Loading...

Sarebbero state almeno due le bulle che hanno aggredito la mamma che si era messa tra loro e la figlia per difenderla. Il padre, Eder Rojas, anche lui presente, ha confermato tutto, dicendo che lui e la moglie erano accanto alla figlia mentre questa veniva presa di mira dalle ragazze che, non riuscendo a colpirla direttamente, hanno sfogato la loro violenza inaudita contro la consorte. L’uomo ha anche aggiunto che le studentesse li hanno minacciati. Alla fine dell’aggressione la donna si è ritrovata all’ospedale con un occhio nero, il setto nasale rotto e una maschera di sangue al posto del volto.

Le si sono avventate addosso come delle furie

La mamma ha detto che le ragazze, furiose, le si sono avventate addosso, le hanno afferrato i capelli e l’hanno poi scaraventata per terra. “Volevo solo entrare e parlare con il preside, non avrei mai immaginato che delle ragazzine potessero colpire un adulto in questo modo, pensavo fossimo al sicuro nel campus” ha poi detto la vittima. Quando i poliziotti sono giunti nella scuola hanno fermato una ragazzina, minorenne, che è stata accusata di gravi lesioni fisiche. Adesso gli agenti cercheranno di ricostruire quanto avvenuto e di trovare tutte le persone coinvolte nell’aggressione. La Jimenez è rimasta ricoverata in ospedale due giorni prima di essere dimessa e poter fare ritorno a casa sua.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.