Un 5s alla Lega, altri 30 pronti. E Di Maio ora invoca le toghe

Loading...

Diaspora in casa Movimento 5 Stelle. Oggi il partito di Beppe Grillo e Luigi Di Maio ha perso l’ennesimo pezzo. Si tratta del senatore Ugo Grassi, che dopo essere stato eletto a Palazzo Madama tra le fila pentastellate, è passato ufficialmente alla Lega, in aperta polemica con il suo ex partito.

Una scelta, questa di Grassi, non facile e comunque tanto sofferta quanto ormai inevitabile. L’addio al M5s – e il conseguente passaggio al Carroccio – è stato spiegato in lungo e in largo dal diretto interessato, che nella giornata di ieri insieme ad altri tre colleghi e compagni di partito (Gianluigi Paragone, Francesco Urraro e Stefano Lucidi) non hanno votato, in dissenso con il proprio gruppo, la risoluzione della maggioranza giallorossa sul Mes, il controverso e più che discusso fondo salva Stati.

Grassi ha scritto una lettera in cui chiarisce il cambio di casacca: “Il punto è che il mio dissenso non nasce da un mio cambiamento di opinioni, bensì dalla determinazione dei vertici del movimento di guidare il Paese con la granitica convinzione di essere i depositari del vero e di poter assumere ogni decisione in totale solitudine”. E argomenta: “Gli effetti di questo modo di procedere sono così gravi ed evidenti (a chi vuol vedere) da non dover neppure essere esposti. Basti l’esempio della gestione dell’ex Ilva per dar conto dell’assenza di una programmazione nella gestione delle crisi…”.

Loading...

Il senatore, dunque, parla anche dei mesi di vita dell’allora governo gialloverde: “Durante il Conte Uno ho avuto modo di comprendere che molti dei miei obiettivi politici erano condivisi dal partito partner di governo. Stesura di testi unici, forte ridimensionamento del ruolo dell’Anvur e riforma delle regole di reclutamento erano temi su cui ho rinvenuto una chiara convergenza di opinioni”. Dunque continua: “Salvini premier mi offre, a fronte di un evidente fallimento della mia iniziale esperienza, una seconda opportunità per raggiungere quegli obiettivi, come investimenti mirati per lo sviluppo del Mezzogiorno, rispettando l’autonomia differenziata”.

La scelta di Grassi è stata applaudita anche dal leader della Lega Matteo Salvini, che ha così accolto l’ex grillino: “Diamo il benvenuto al senatore Grassi. Porte aperte per chi, con coerenza, competenza e serietà, ha idee positive per l’Italia e non è succube del Pd. Su riforma ed efficienza della giustizia e rilancio delle università italiane, col senatore Grassi lavoreremo bene”.

Di Maio contro Grassi

In una diretta Facebook, il capo politico del M5s si è scagliato contro l’ex compagno di partito passato ufficialmente al fronte leghista: “Molti cercano scuse per cambiare casacca, come Grassi che dice una cosa non vera. Consegnino una bella lettera al Senato e dicano ‘io voglio cambiare casacca e tradire il mandato dei cittadini’ , ma se cambi idea su un partito, ti dimetti e ti fai votare di nuovo”. Infine, Gigino ha affondato il colpo: “Dicano chiaramente che il tema non è il Mes, ma che gli hanno promesso un seggio alle prossime elezioni e alle Regionali. Il mercato della vacche è evidente, sul Mes si stanno dicendo un mare di bugie”. Di Maio invoca anche l’intervento della magistratura: “Se ci dovessero essere degli estremi le autorità giudiziarie possano verificare il tutto”. Infine tra i penatastellati, come riporta l’Adnkronos, è scattato un vero pe proprio allarme dopo le parole del senatore Stefano Lucidi: “So che usciranno 20 o 30 persone e che stanno valutando di fare un nuovo gruppo ma non credo che avranno la forza per farlo, quindi non li aspetto. Serve una spallata per far risvegliare il Movimento. Qualcosa deve cambiare in modo estremamente radicale”.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.