È scontro aperto tra Salvini e la magistratura

Loading...

È scontro aperto fra il Viminale e la magistratura. Il ministero dell’Interno ieri ha annunciato infatti la volontà di impugnare la sentenza del Tar di Firenze contro le cosiddette “zone rosse”, e quelle dei tribunali di Bologna e Firenze a proposito dell’iscrizione anagrafica di alcuni cittadini stranieri.

Due provvedimenti “in rotta di collisione” con la linea di Matteo Salvini. Ma c’è di più: il Viminale intende rivolgersi anche all’Avvocatura dello Stato per valutare se i magistrati che hanno emesso le sentenze avrebbero dovuto astenersi, lasciando il fascicolo ad altri, per l’assunzione di posizioni in contrasto con le politiche del governo in materia di sicurezza, accoglienza e difesa dei confini. Idee, si legge in una nota del ministero, “espresse pubblicamente o attraverso rapporti di collaborazione o vicinanza con riviste sensibili al tema degli stranieri come “Diritto, immigrazione e cittadinanza” o con avvocati dell’Asgi (associazione studi giuridici per l’immigrazione) che hanno difeso gli immigrati contro il Viminale”. Un attacco che viene corredato da nomi e cognomi di tre giudici: Rosaria Trizzino, presidente della seconda sezione del Tar della Toscana, Matilde Betti, presidente della prima sezione del tribunale civile di Bologna e Luciana Breggia, magistrato del tribunale di Firenze. A quest’ultima viene pure contestata “la partecipazione alla presentazione di un libro dove era seduta accanto alla portavoce di Mediterranea e al professor Emilio Santoro, che ha bollato in un’intervista l’esecutivo gialloverde come: il governo della paura”.

Loading...

Oggi il leder della Lega è tornato sulla questione. E, ospite di Mattinocinque su Canale 5, ha affermato: “Non c’è nessuna lista con i nomi dei magistrati che hanno criticato il governo sui migranti. Dico però che su migliaia di giudici che fanno onestamente il loro lavoro qualcuno fa politica. Mi chiedo se è normale che qualche giudice scriva libri e vada a convegni che sono uno spot per l’immigrazione di massa e poi giudichi sulle domande dei richiedenti asilo e sulle norme sull’immigrazione del ministero dell’Interno. Ognuno è libero di avere le sue idee ma se fai il giudice dovresti essere imparziale e al di sopra di ogni schieramento politico. Se 99 giudici applicano la legge in una maniera e ce ne è uno che fa il bastian contrario e la applica in maniera opposta, va bene la libertà di pensiero però la legge è legge. Io voglio che in Italia arrivino persone che scappano davvero dalla guerra ma voglio poter rispedire a casa loro i delinquenti”.

Intanto, la Presidente della Corte d’Appello di Firenze, Margherita Cassano, ha indetto una conferenza stampa per oggi “in merito alle critiche del Ministero dell’Interno sull’operato dei magistrati di Firenze”. La conferenza si terrà alle 12.30 presso la sala del Consiglio giudiziario del palazzo di giustizia.

IL GIORNALE.IT

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.