‘I soldi delle primarie non bastano al PD’. Il servizio di Striscia la Notizia

Loading...

“Striscia la Notizia”, nel corso della puntata di giovedì 28 marzo, ha mandato in onda un servizio sulla proposta del nuovo tesoriere del Pd Luigi Zanda di aumentare lo stipendio dei parlamentari, appaiandolo a quello dei parlamentari europei.

La proposta è stata presentata da Zanda lo scorso 27 febbraio e consentirebbe a deputati e senatori di percepire tra i 16 e i 19 mila euro al mese.

Il sottosegretario agli Interni e deputato del M5S Carlo Sibilia ha condiviso il video del servizio di Striscia su Facebook, commentando: «”I soldi delle primarie non bastano al PD”. Così hanno proposto l’ aumento dello stipendio dei parlamentari fino a 19 mila euro, la reintroduzione dei vitalizi e quella del finanziamento pubblico ai partiti.
Il servizio di Striscia la notizia».

Guarda il video:

Loading...

I 5Stelle nei giorni scorsi hanno attaccato duramente il Partito Democratico per questa proposta: “Il PD propone di aumentare gli stipendi dei parlamentari fino a 19 mila euro, reintrodurre i vitalizi e il finanziamento pubblico ai partiti. Un’assurdità”, ha scritto il Movimento 5 Stelle in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook, chiedendo “a Zingaretti di mettersi una mano sulla coscienza e votare la nostra proposta sul salario minimo”.

“I cittadini” hanno affermato i 5Stelle in un post sul proprio blog ufficiale “hanno già votato contro il finanziamento pubblico ai partiti, non vogliono sentir parlare di mantenere partiti e politici. Ma evidentemente per Zanda la democrazia si attua solo sulle terrazze radical chic dove ha brindato, insieme ai suoi colleghi del Pd, alla precarizzazione selvaggia del mondo del lavoro con il Job’s act, alla legge Fornero che ha tolto il diritto alla pensione a centinaia di migliaia di italiani, alla distruzione dei diritti economici e sociali dei cittadini portando avanti scellerate politiche di austerità durante i Governi Pd che ha sostenuto convintamente”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.