Durante un blitz si scopre di tutto: in manette 3 migranti. Uno di questi era un super-ricercato.

Loading...

Si ricercavano da giorni. Finalmente arriva la svolta. Poche ore fa il blitz antidroga ha portato all’arresto di 3 migranti.

L’operazione è avvenuta a Ragusa, grazie agli uomini della Squadra mobile ed i poliziotti del Commissariato di Vittoria.

Gli agenti della polizia hanno arrestato tre immigrati albanesi in possesso di circa 50 kg di hashish e di quasi un kg di cocaina.

Gli investigatori, così, dopo aver effettuato diversi controlli sono riusciti ad individuare un casolare ritenuto essere il luogo all’interno del quale gli stranieri avevano occultato le sostanze stupefacenti.

Dopo una lunga attività di osservazione, le forze dell’ordine hanno notato i tre soggetti che, con fare alquanto sospetto, si aggiravano nei pressi della struttura.

Loading...

Considerato il comportamento insolito degli immigrati, gli agenti hanno fatto scattare il blitz. Nel corso dell’operazione, coadiuvati dalle Unità cinofile della Questura di Catania, i poliziotti hanno rinvenuto la cocaina nascosta nei posti più disparati. E non solo.

Grazie alla collaborazione dei cani è stato possibile ritrovare l’ingente quantità di droga, suddivisa in panetti, all’interno di un veicolo parcheggiato nei pressi del casolare.

Tutta la “merce” è stata immediatamente posta sotto sequestro. Secondo una stima della polizia, se immessa sul mercato la droga avrebbe fruttato quasi 600mila euro.

Ma non è finita. Infatti, nel corso delle indagini è emerso che uno dei tre criminali fermati era anche ricercato per una pena di quasi tre anni da scontare in provincia di Roma.

E cosa aveva pensato di fare? L’uomo, per eludere i controlli, si era munito di una falsa carta d’identità greca.

Oggi, però, la grande svolta. Cambiare si può!

Fonte: Il Giornale

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.