Pesaro, 52enne pestata e ammazzata in casa: confessa un marocchino, “futili motivi”

Una storia di puro orrore, che arriva da Pesaro, dove la 52enne Sabrina Malipiero è stata brutalmente uccisa nella sua casa, fatale una coltellata alla gola. Ad ucciderla, un marocchino di circa trent’anni: interrogato insieme ad altri sospetti per tutta la notte, soltanto nella mattinata di domenica è crollato davanti ai pm e ha confessato l’orrore commesso. Gli investigatori sono arrivati a lui in base ai contatti telefonici della vittima, uccisa per “futili motivi”. L’omicida era già noto alla polizia, in particolare all’antidroga della Questura di Pesaro e Urbino. Stando alle prime informazioni, il marocchino avrebbe frequentato spesso la casa della Malipiero, che gli avrebbe aperto senza problemi. L’ultima volta che lo ha accolto a casa, però, la bestia prima la ha brutalmente pestata, poi uccisa con una o due coltellate alla gola: la vittima, commessa in un supermercato, lascia due figli grandi. Da tempo era separata dal marito. Dopo l’omicidio, il marocchino è fuggito con la Daewoo Matiz della vittima, ritrovata sabato sera in un’altra parte della città.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.