Ong, il giornalista francese svela il patto con gli scafisti: “Distruggono l’Europa per 5.000 euro a migrante”

Le Ong aiutano gli scafisti a guadagnare qualcosa come 5.000 euro per ogni migrante trasportato in Italia. Una “follia di migrazioni incontrollate e illegali” che è “dannosa per l’Africa, e sta distruggendo l’Europa liberale e unita”. A scriverlo, una volta tanto, non è un leghista italiano o un sovranista ungherese, ma un giornalista. Per di più francese, concittadino del presidente Emmanuel Macronche ha definito “vomitevole” la politica anti-sbarchi di Matteo Salvini.

A citare l’editorialista di Le Figaro Renaud Girard è Italia Oggi, sottolineando come l’articolo-denuncia del giornalista spalanchi gli occhi non tanto agli italiani, che queste cose le hanno imparate da anni sulla propria pelle, ma ai francesi e ai tanti progressisti europei che puntano il dito contro Roma senza capire che il vero problema è in Africa, un problema peraltro scatenato dalla folle guerra di Sarkozy contro Gheddafi che ha consegnato la Libia a bande criminali senza scrupoli.

Sono quelle stesse bande, una mafia africana, a gestire ora il traffico di persone nel Mediterraneo. “I trafficanti devono guadagnare, fare soldi. Ogni passaggio costa tra i 3 mila e i 5 mila euro per ogni persona. Denari che finiscono in tasca a mafie che operano non solo in Libia e in Niger, ma anche nei paesi d’origine dei migranti e sulla costa europea. Un giro d’affari illegale, diventato molto più importante del traffico di droga”. A conti fatti, il business che ha portato solo in Italia 600mila migranti clandestini ha fruttato 3 miliardi di euro ai loro aguzzini. Ma qui si inseriscono le Ong. Qualcun le ha definite “taxi del mare” e molti, a sinistra, si sono indignati, ma anche tenendo conto della loro buonafede l’effetto è esattamente quello. Gli scafisti, spiega Girard, “raccolgono dei disperati, li mettono su un canotto gonfiabile e li portano a 12 miglia nautiche dalla costa della Libia, al limite delle acque internazionali. E da lì inviano un Sos con il telefono satellitare, dicendo che c’è un naufragio imminente. E poi se ne vanno. Da quel momento sono le navi delle organizzazioni umanitarie Ong, o la Marina italiana o la Guardia costiera italiana che vengono a recuperare i migranti, svolgendo a tutti gli effetti il resto del lavoro”.

“Sarebbe più logico – prosegue l’editorialista – che questi poveri naufraghi, o quelli che passano per tali, vengano riportati sulle coste dalle quali provengono, a Tripoli o nei porti vicini. Invece no, dicono le Ong, non si può, perché quello è un paese pericoloso. Così il passaggio illegale dei migranti dall’Africa all’Europa è organizzato a scopo di lucro dai trafficanti, ma gratuitamente dalle Ong e dalla Marina italiana. Segno che le mafie sanno bene come sfruttare il sentimentalismo europeo e la carità cristiana“. Si apre anche un problema democratico, perché le Ong sono associazioni private che, in accordo più o meno diretto con gli scafisti, scaricano una bomba sociale ed economica sulle finanze pubbliche dei Paesi europei. Risultato: Africa svuotata dei giovani più capaci e danarosi, che avrebbero potuto investire, in un sistema virtuoso, il loro capitale utilizzato per pagare gli scafisti in attività utili alla collettività dei loro Paesi. Ed Europa riempita di manodopera a bassissimo costo che spesso alimenta nuovamente la criminalità e che nel peggiore dei casi accresce la crisi sociale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.