Biancofiore aggredita a Roma: volevano portarle via la cagnolina

Loading...

Michaela Biancofiore aggredita a Roma per la seconda volta in meno di due mesi.

La deputata di Forza Italia si trovava in via Veneto, dove è stata circondata da tre uomini che, secondo quanto riportato dal Messaggero, pare volessero portarle via la cagnolina.

L’episodio è accaduto qualche sera mentre la Biancofiore percorreva a piedi Via Veneto per la consueta passeggiata con, Puggy, il carlino noto anche come mascotte di Fi.

Leggiamo su L’Adige.it che la parlamentare è stata aggredita dai tre uomini, i quali hanno cercato di strapparle il carlino, ma lei “ha reagito e non si è fatta intimidire, costringendo alla fuga i malintenzionati”.

Biancofiore era stata vittima di un episodio simile lo scorso 9 maggio, quando verso l’ora di pranzo un sudanese aveva tentato di rubarle lo smartphone mentre faceva una passeggiata sempre con la sua cagnolina in via Nazionale.

Loading...

Lei però non si è lasciata intimidire, ha inseguito il ladro e lo ha fatto arrestare

L’immigrato che ha cercato di rapinare la Biancofiore dello smartphone si chiama Mohamed Atiols, ha 32 anni, ed è stato colpito dal provvedimento del divieto di dimora a Roma.

Alla fine l’uomo era stato bloccato grazie all’intervento di una pattuglia di carabinieri in piazza del Quirinale. Le forze dell’ordine si erano accorte che l’esponente azzurra, che non era per niente intimorita, stava inseguendo il rapinatore.

Il Corriere della Sera riportava che il ladro è riuscito a fuggire, ma i carabinieri, dopo aver preso la descrizione, lo hanno trovato poco dopo vicino a via Nazionale, dove era stato tentato il furto.

La parlamentare di Forza Italia aveva riferito agli investigatori che l’uomo l’ha aggredita mentre lei portava a spasso il suo cane.

Secondo quanto raccontato dalla Biancofiore, il bandito si sarebbe avvicinato a lei sorridendo ma poi avrebbe cambiato atteggiamento dopo averla supera di circa dieci metri per non farle intendere l’intenzione di rapinarla.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.