A Napoli arrestato un richiedente asilo del Gambia per terrorismo. Ecco cosa stava architettando

Loading...

Effettuato a Napoli un arresto ai danni di un richiedente asilo proveniente dal Gambia. L’accusa è di terrorismo, con il fermo che è parte di un’operazione più grande.

Insieme al suo connazionale Alagie Touray – già arrestato sempre nel napoletano ad aprile – stavano progettando un attentato in Spagna o in Francia, nella modalità già sperimentata: un autoveicolo che si lancia sulla folla.

La prova che inchioda Osman è un video, circolato tramite Telegram, in cui l’uomo gambiano si arruola nell’Isis giurando fedeltà all’organizzazione e al califfo.

Dalle indagini è emerso che, sempre via Telegram, avrebbe ricevuto l’ordine di lanciarsi sulla folla con un’auto, come avvenuto Nizza. Un attentato analogo a quello che meditava di compiere Osman, preso due giorni fa. Sarebbe arrivato in Italia lungo le rotte degli immigrati dopo aver praticato un duro addestramento militare in Libia e nel Nord Africa.

Loading...

All’identificazione del gambiano arrestato da Digos e Ros si è arrivati grazie al cellulare sequestrato proprio al connazionale Touray, che ha collaborato alle indagini. Osman è ritenuto particolarmente pericoloso. 

Le forze dell’ordine lo hanno seguito costantemente negli ultimi tempi. In Puglia massima allerta quando il gambiano si è avvicinato a una processione religiosa perché si temeva potesse compiere un attentato.

«Gli arresti che abbiamo compiuto fanno sperare che ora il proposito di attentato terroristico sia stato abbandonato». A dirlo, il procuratore di Napoli, Giovanni Melillo. Sia Sillah Osman che Alagie Touray facevano parte di un gruppo composto da 13 persone addestrate nel deserto, alcune delle quali morte in agguati e altre ancora libere“.

Dimostrato ancora una volta come tra gli immigrati si nascondano diversi terroristi. Un motivo in più per regolamentare gli arrivi.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.