Fusaro: ‘Saviano si è rivolto ai potentati stranieri in modo che possano intervenire per rovesciare il governo italiano’

Loading...

Roberto Saviano “si è rivolto ai potentati stranieri in modo che possano rovesciare il governo italiano”.

Così Diego Fusaro in un video pubblicato su Facebook.

Il filosofo ha criticato le parole dell’autore di Gomorra, secondo il quale, ha parafrasato Fusaro, “non bisogna permettere a questo nuovo governo italiano di sopravvivere”.

“Queste – ha commentato – sono le lacrimevoli, struggenti, accorate parole che ha pronunziato il turbomondialista, il bardo del pensiero unico cosmopolita e glamour Roberto Saviano”, il quale, ha proseguito Fusaro, “è nuovamente disceso, novello Zaratustra, dal suo sontuoso attico di Nuova York per esprimere, sempre cinto dalla sua patrizia noia, tutta la sua schiumante rancura verso le plebaglie italiche, ree di non far loro in maniera irriflessa il programma dei mondializzatori”.

“Con rabbia schiumante il bardo del pensiero unico, l’araldo del plusimmigrazionismo sans frontières, – ha continuato Fusaro – si è rivolto direttamente ai potentati stranieri di modo che essi possano auspicabilmente intervenire per arrestare, capovolgere, rovesciare il governo italiano, reo di essere populista, dalla parte del popolo e non dell’élite finanziaria che Saviano difende a tambur battente con i suoi sermoni in prima serata, puntualmente, senza contraddittorio”.

Loading...

Lo scrittore napoletano in un intervento pubblicato ieri su su Le Monde ha scritto: “Ciò che so con certezza, è che non possiamo dar tregua a questo governo, che procede a colpi di dichiarazioni, dobbiamo fargli rimpiangere il giorno in cui per egoismo, interesse e cattiveria, ha deciso – perché sì, ha proprio deciso così – che per esistere bisognava diventare razzisti”.

“Ecco perché, ora più che mai, mi è impossibile tacere”, ha continuato Saviano, accusando il nuovo governo di aver “già causato troppo male. Un male irreparabile”.

Guarda il video di Fusaro:

 

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.