“Era piena di vita”. Olivia, il sorriso spento a 9 anni. La mamma ha visto tutto

Morta a 9 anni, si chiamava Olivia Pratt-Korbel la vittima della sparatoria avvenuta davanti a una villetta a Liverpool. La bambina è stata colpita al petto con lo stesso proiettile che ha ferito sua madre, Cheryl, prima di essere portata d’urgenza da Alder Hey dove è poi morta. La piccola è morta durante un inseguimento tra due uomini che nulla c’entravano con la bimba e la sua famiglia.

Dopo la straziante sparatoria che ha lasciato la città in lutto, è stata lanciata una raccolta fondi per aiutare la famiglia di Olivia. La raccolta fondi, organizzata da Steven McCracken, è iniziata martedì 23 agosto, appena un giorno dopo la sparatoria. Tutto è iniziato con un inseguimento tra due uomini, Joseph Nee, 35 anni, è stato colpito da un altro uomo, ora latitante, che poi ha sparato altri due colpi di pistola. Uno di questi ha colpito la madre di Olivia al polso, ma ha preso in pieno la bimba, colpita al petto dallo stesso proiettile.

Morta a 9 anni

Morta a 9 anni, Olivia Pratt-Korbel uccisa da un proiettile volante

Nee, colpito a colpi di arma da fuoco, era uno spacciatore condannato e incarcerato per tre anni e nove mesi nel 2018 per furto con scasso. Ora l’uomo, in passato condannato per due capi di imputazione per furto di un veicolo, guida pericolosa, guida senza assicurazione, si trova ricoverato in ospedale ma non sembra essere in pericolo di vita. “Questa foto ci perseguiterà per sempre – scrivono i genitori rivolgendosi all’aggressore, accanto a una foto della bambina – La nostra famiglia ricorderà questa foto della mia bellissima nipotina con felicità e orgoglio… questa piccola ragazzina sfacciata con l’attitudine dei Korbel”, si legge nel post pubblicato dallo zio Peter Korbel.

Morta a 9 anni

“Non credo che io o la mia famiglia troveremo mai le parole per descrivere il dolore che tutti abbiamo provato nelle ultime 24 ore – ha dichiarato a Metro UK la cugina Rebecca Louise – Non abbiamo solo perso la nostra Liv, abbiamo perso una figlia, una sorella, una cugina e una nipote. La nostra piccola Liv che era piena di vita, piena di sfacciataggine e sicuramente sapeva cosa voleva dalla vita”.

La morte di Olivia, la terza vittima per arma da fuoco in una settimana a Liverpool, è avvenuta dopo un anno senza morti per armi da fuoco nel Merseyside. Ma nelle ultime settimane si sono verificati alcuni incidenti, come accoltellamenti e scarichi di armi da fuoco, che hanno preoccupato i residenti ed erano preoccupati che i giovani fossero sempre più coinvolti.”Stanno diventando più giovani – 13, 14, 15 anni”, ha spiegato il vicino di casa della famiglia di Olivia. “Non si preoccupano di andare in prigione. Se hanno deciso di fare qualcosa la faranno e non si fermeranno finché non lo avranno. Si tratta di vendetta”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.