Al Bano e Yari, rissa in famiglia Carrisi: “Mi ha cacciato..”

Come noto Yari Carrisi è il figlio primogenito di Al Bano, frutto del matrimonio con la prima moglie Romina Power. A quanto pare i due non andrebbero molto d’accordo, già in passato c’erano stati tanti dissidi tra i due. Ultimamente, però, qualcosa sembra essersi rotto definitivamente, il loro rapporto sembra essere irrimediabilmente compromesso da una decisione del cantante. 

Sin da piccolo Yari ha cercato di seguire le orme dei suoi genitori, dedicandosi alla musica e al mondo dello spettacolo, senza ottenere però grandi risultati. Di recente il padre Al bano ha preso un’importante decisione che riguarda tutta la famiglia, ma che non è andata affatto a genio al figlio primogenito: ecco di cosa si tratta.

La decisione di Al bano

Dopo la rottura con Romina Power, tutti ricorderanno la sua relazione molto discussa con Loredano Lecciso, la celebre show girl presa costantemente di mira dall’opinione pubblica che la accusava di voler ottenere solo visibilità. In realtà poi la coppia è stata molto duratura e hanno avuto anche due figli: Albano Jr e Jasmine.

In sostanza il cantante pugliese avrebbe deciso di lasciare la conduzione della sua azienda vinicola a Cellino San Marco unicamente al figlio Al Bano Jr, estromettendo così tutti i figli avuti con Romina, compreso appunto Yari. Se le sorelle di quest’ultimo non hanno dato troppo peso alla cosa, il primogenito di Al bano si è invece inferocito.

Non si aspettava affatto un colpo basso di questo tipo da parte del padre, in quanto è stato escluso da un incarico a cui teneva particolarmente. Motivo per il quale avrebbe deciso di troncare definitivamente i rapporti con il padre, già peraltro mai idilliaci, non rivolgendogli più neanche la parola. Non resta che attendere ulteriori indiscrezioni sulla vicenda, chissà se Al Bano deciderà di fare dietro front e accontentare anche il figlio Yari.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.