ELENA DEL POZZO, LA DEDICA DEL PAPÀ NEL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO

Domani è esattamente un mese che la piccola Elena Del Pozzo non c’è più, uccisa a coltellate, con 11 fendenti, dalla madre reo-confessa Martina Patti che, dopo averla massacrata in un terreno incolto a pochi metri dalla villetta di via Euclide in cui vivevano, l’ha sepolta in una buca.

La messinscena del rapimento da parte di un commando armato ha retto pochissimo, fino al crollo, che l’ha spinta a indicare ai carabinieri il luogo in cui avrebbero potuto ritrovare il cadavere della figlioletta, per poi fare la più agghiacciante delle confessioni.

A compiere la mattanza è stata proprio lei, che l’ha messa al mondo, il 12 luglio 2016, come frutto della relazione con l’ex compagno, Alessandro Nicodemo Del Pozzo, 24 anni. I due non stavano più insieme da tempo e il giovane, dopo essere stato per lavoro in Germania, si stava rifacendo una vita accanto ad un’altra donna .

Dopo le immagini della bara bianca issata in alto, per l’ultimo saluto, sul sagrato della cattedrale di Sant’Agata, i riflettori su questa tragedia si sono spenti, anche se le indagini vanno avanti per chiarire i tanti puti interrogativi attorno alla vicenda.

Oggi, però, non è un giorno qualsiasi. Elena Del Pozzo avrebbe compiuto 5 anni e papà Alessandro ha voluto dedicare alla sua splendida bambina uno straziante messaggio.

Auguri mio dolce angelo, spero che il desiderio della sua ultima candelina si sia avverato… manchi”. E’ questo il messaggio di disperazione di un padre orfano, riportato su una foto della piccola, scattata esattamente un anno fa, in occasione del suo quarto compleanno, in cui la bambina, ancora inconsapevole di quello che le sarebbe accaduto, era felicissima  davanti ad una stupenda torta di Minnie.

Immagini di gioia, spensieratezza, apparente normalità nonostante i rapporti già compromessi tra i due genitori, in un giorno di festa, in cui tutte le attenzioni erano concentrate sulla piccola Elena che doveva spegnere la candelina a forma di numero quattro.

Elena avrà 4 anni per sempre perché sua madre, Martina Patti, in cella nel carcere di Piazza Lanza, a Catania, con l’accusa di omicidio premeditato pluriaggravato, ha deciso di toglierle la vita. L’ha raggirata, con la scusa di farle vedere un posto in cui giocava da piccola, l’ha incappucciata con un sacco nero per la spazzatura, l’ha massacrata con 11 coltellate.

E non se n’è importata nulla di Elena che ha tentato in tutti i modi, con le sue piccole forze, a sottrarsi alla morte. Chissà cosa ha pensato in quei momenti questo splendido angelo. Magari si sarà chiesta anche il perché la madre stesse infierendo su di lei; magari si è fatta colpe che non ha mai avuto. Perché Elena è una martire, seppellita probabilmente mentre era ancora viva.

E così se n’è andata per sempre, con la passione per Frozen, la principessa Elsa, col sogno di far la dottoressa e con la passione per Irama. Voglio provare ad immaginarmela così oggi, in questo giorno così speciale, a canticchiare a squarciagola in Paradiso, correndo qua e là con il suo sorriso contagioso, la sua allegria, la spensieratezza di una bimba sottratta alla vita da un destino crudele. Buon compleanno Elena!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.