Stati Uniti: un condannato a morte richiede il rinvio dell’esecuzione per poter donare un rene

Ramiro Gonzales è un detenuto del Texas che verrà condannato a morte nelle prossime settimane. In questi giorni il suo nome sta facendo il giro del web per il gesto di cui si sta rendendo protagonista. Il ragazzo, infatti, ha chiesto il rinvio dell’esecuzione della pena per poter avere il tempo di donare un rene.

condannato a morte

L’accusa è quella di aver ucciso una ragazza diciottenne del sul-ovest del Texas. Il suo nome era Bridget Townsend e i resti della vittima vennero trovati nel 2001, circa due anni dopo dalla sua scomparsa. Per questo Ramiro Gonzales riceverà un’iniezione letale il prossimo 13 luglio. In questi giorni, però, il condannato ha richiesto il rinvio della pena.

Il motivo? Il giovane ha intenzione di voler donare un rene. I suoi avvocati hanno informato il governatore Greg Abbott di rinviare l’esecuzione della pena di 30 giorni allo scopo di trovare qualcuno fortemente bisognoso del rene di Ramiro Gonzales.

condannato a morte in Texas

Nella lettera in questione è citato anche il pastore ebreo Michael Zoosman il quale ha avuto una lunga corrispondenza con il condannato durante la sua reclusione. A riguardo, queste sono state le parole dell’uomo:

Non ho nessun dubbio che il desiderio di Ramiro di essere un donatore di rene altruistico non è motivato da un tentativo dell’ultimo minuto di fermare o ritardare la sua esecuzione.

pena di morte

Inoltre, c’è da dire che gli avvocati del condannato hanno dichiarato che Ramiro può essere considerato come un ottimo candidato per procedere alla donazione di un organo, in questo caso il rene.

desiderio prima di morire

Avendo infatti un gruppo sanguigno molto raro, l’idea di Ramiro Gonzales potrebbe rivelarsi un gesto di immensa generosità. In questo modo la sua donazione sarà senza ombra di dubbio di grande aiuto per qualcuno che ne ha veramente bisogno, dopo le numerose difficoltà a trovare una qualche compatibilità. Non ci resta che aspettare i prossimi giorni per scoprire come si evolverà questa vicenda.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.