Italia, scossa di terremoto: i primi aggiornamenti

Spesso in qualche zona del mondo si verificano degli eventi meteo estremi, che provocano ansia nella popolazione del posto in cui questi eventi avvengono. La stessa cosa vale per i terremoti, che, al contrario di un violento fenomeno meteo, non sono assolutamente prevedibili. I terremoti colpiscono in maniera improvvisa, la loro durata può variare da pochi minuti a pochissimi secondi. Un lasso di tempo molto breve, che però può provocare morte e distruzione in aree piuttosto vaste delle nazioni.

I terremoti si originano soprattutto in punti particolari della Terra, nelle cosiddette zone di faglia, punti della crosta terrestre in cui i continenti vengono in contatto tra loro. Una delle aree più attive per quanto riguarda i terremoti è ad esempio l’area del Pacifico, dove ci sono anche numerosi vulcani sottomarini. Anche il nostro Paese non è esente da questi eventi, trovandosi proprio tra la placca africana e quella europea. In queste ore la terra è tornata a tremare in una regione italiana.

Terremoto alle Eolie

Secondo quanto si apprende dalla stampa nazionale una scossa di magnitudo 3.6 sulla scala Richter è stata registrata vicino alle Isole Eolie, nel Tirreno Meridionale, una zona che tra l’altro è conosciuta per la presenza di vulcani sottomarini, uno tra tutti il temibile Marsili. La scossa è stata registrata a una profondità di 308 km.

Intorno alle ore 7:15 una nuova scossa di terremoto ha colpito invece il Tirreno, stavolta però nella fascia settentrionale. Qui il sisma è stato avvertito tra Massa Carrara, Lucca e Pisa e sarebbe stato seguito da due scosse di lieve intensità. Gli eventi in questione hanno provocato apprensione tra la popolazione.

Il sisma nei pressi delle Isole Eolie è stato registrato attorno alle ore 6:18 del 4 luglio. Nelle prossime ore si potranno sicuramente conoscere ulteriori dettagli su quanto accaduto in queste ore sia nel Tirreno Meridionale che in quello Settentrionale. La situazione viene constantemente monitorata dalle autorità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.