NUOVO VIRUS LETALE, SEGNALATI NUOVI CASI: ECCO I SINTOMI

Dopo due terribili anni di pandemia, sta destando molta preoccupazione la diffusione di questa nuova malattia infettiva. Non sembra esserci ancora pace in ambito sanitario, l’incubo di nuovi virus è sempre dietro l’angolo. Per questo motivo, suscitano molta apprensione le segnalazioni di nuovi patogeni potenzialmente letali.

Proprio come sta succedendo in questo caso, dove destano sempre più preoccupazione le crescenti segnalazioni di questa malattia. Le modalità di trasmissione del patogeno sono differenti rispetto al covid, ma si tratta allo stesso modo di un virus letale. L’ombra di un nuovo incubo si proietta sull’Europa, ecco il nuovo terribile morbo: di cosa si tratta.

LE SEGNALAZIONI DEL NUOVO VIRUS
L’allarme è stato lanciato dal Regno Unito, dove sono stati registrati ben 3 casi di Febbre di Lassa, una nuova malattia infettiva che getta in apprensione tutta l’Europa. Il timore che l’incubo ritorni è sempre vivo nella mente di tutti, basta ben poco per innescarlo. Quello che per ora sappiamo, è che si tratta di una patolgia provocata da un arenavirus, cioè il virus Lassa.

Purtroppo, uno di questi 3 pazienti risultati positivi è deceduto, perciò si tratta di una malattia potenzialmente letale e che si trasmette in modo infettivo. E’ una patologia endemica in Africa Occidentale, infatti i 3 pazienti erano di ritorno da un viaggio in quelle zone. Per il momento, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ritiene non ci sia motivo di allarmarsi, in quanto il rischio di una diffusione del contagio è molto basso.

Oltre ai sintomi più comuni, come la febbre progressiva, affaticamento e gravose condizioni gastrointestinali, la malattia può manifestarsi anche con delle problematiche più preoccupanti: sanguinamento dalle gengive e dal naso, acufeni, tosse, mal di gola, vertigini e perdita dell’udito. Ad oggi non esiste ancora un vaccino per questa malattia, il tasso di mortalità si aggira tra il 16 e il 45 per cento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.