“L’ha fatto in carcere”. Benno Neumair, fatti choc sul giovane accusato di avere ucciso i genitori


Benno Neumair attualmente si trova in carcere per l’omicidio dei suoi genitori Peter Neumair e Laura Perselli. Il ragazzo ha confessato l’omicidio: laa coppia bolzanina era scomparsa 4 gennaio 2021. Poi il 29 gennaio il figlio Benno Neumair era stato arrestato e il 6 febbraio la salma di Laura Perselli era stata trovata nell’Adige nei pressi di Egna. Durante l’interrogatorio di garanzia il 30enne si era avvalso della facoltà di non rispondere. Nei giorni scorsi, tramite i suoi legali, aveva invece manifestato la volontà di incontrare gli inquirenti.

La confessione arrivò a marzo 2021 quando è stata comunicata dalla procura di Bolzano che ha desecretato i verbali dei due interrogatori nel corso dei quali l’indagato, alla presenza dei difensori, ha ammesso le sue responsabilità. Nel frattempo era stato chiesto l’incidente probatorio in merito alla capacità di intendere e volere di Benno Neumair che nella confessione ha raccontato di aver ucciso prima il padre e poi la madre dopo un litigio.

benno neumair in carcere tentativo strangolamento compagno di cella

Benno Neumair in carcere ha tentato di strangolare un compagno di cella

Nel frattempo durante un’udienza del processo è emerso un altro particolare che riguarda Benno Neumair. Circa un anno fa, nel luglio 2021, Benno Neumair cercò infatti di strangolare un suo compagno di cella nel carcere di Bolzano, nel corso di un litigio per futili motivi. In quell’occasione intervennero le guardie carcerarie e la vicenda si risolse senza conseguenze per il detenuto aggredito. In tutti i casi furono presi dei provvedimenti disciplinari nei confronti del reo confesso da parte dell’amministrazione penitenziaria.

peter laura genitori uccisi benno neumair

I compagni di cella di Benno Neumair sono infatti Johannes Beutel, condannato a 30 anni di reclusione per l’omicidio della moglie Alexandra Riffeser (uccisa con 42 coltellate), avvenuto nel settembre del 2018 nella loro casa di Quarazze, a Merano, e il 25enne Lukas Oberhauser, che nel marzo del 2020 uccise a coltellate Barbara Rauch, 28 anni, proprietaria di un’enoteca ad Appiano insieme al marito.

peter laura genitori uccisi benno neumair
benno neumair in carcere tentativo strangolamento compagno di cella

Durante l’udienza è stata presentata la perizia della psichiatra di parte civile, Anna Palleschi, secondo cui “Benno Neumair è perfettamente capace di intendere e di volere. Ha un disturbo narcisistico di personalità ma era lucido quando uccise i suoi genitori e gettò i loro cadaveri nel fiume. È rassicurante pensare che chi commette un delitto efferato soffra di disturbi mentali, ma non è così: può uccidere anche chi non ha alcun disturbo”. La sua perizia non coincide con quella svolta, in incidente probatorio, dai tre periti nominati dal giudice per le indagini preliminari.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.