AEREO PRECIPITA E SI SCHIANTA, CI SONO DECINE DI MORTI. I PRIMI AGGIORNAMENTI

Nel mondo ogni giorno accadono degli episodi che sconvolgono a volte intere nazioni e comunità. Si tratta di drammi che segnano irrimediabilmente le persone e per i quali la gente va in apprensione, si pensi ad esempio a quanto accaduto in Italia nelle scorse ore quando un aereo di linea della ITA Airways che percorreva la tratta New York – Roma non ha risposto alla torre di controllo per alcuni minuti mentre si trovava in territorio francese.

Per questo motivo la Francia ha fatto alzare in volo due caccia con lo scopo di andare a verificare quanto stesse accadendo. Si è scoperto che i piloti si erano addormentati e infatti pochi minuti dopo hanno risposto e ripreso le loro attività all’interno del velivolo. La compagnia di bandiera italiana ha preso dei provvedimenti dopo quanto avvenuto licenziando il comandante. Ma una terribile tragedia si è verificata invece in un’altra parte del mondo.

CI SONO MORTI
Negli scorsi giorni un aereo di linea è scomparso in Nepal. In tutto questo tempo le autorità lo hanno cercato e infatti pochissime ore fa il velivolo è stato trovato, purtroppo distrutto. L’area, di proprietà della Tara Air, era diretto in una zona montuosa ed era scomparsa dai radar all’improvviso, per cui si è temuto potesse essere successo qualcosa.

Dai rottami dell’aereo, che si è disintegrato in più pezzi, sono stati recuperati fino ad ora 14 corpi, così hanno annunciato le autorità. Sull’aereo viaggiavano 19 persone e altri tre membri dell’equipaggio. “Una squadra di soccorso ha localizzato il relitto dell’aereo e ha condiviso una foto” – così ha spiegato Narayan Silwal , portavoce dell’Esercito del Nepal.

L’aereo, un bimotore Twin Otter era decollato dalla città di Pokhara alle 9:55 locali di ieri 29 maggio. A rendere difficoltose le ricerche del velivolo sono state anche le condizioni meteo, che non erano assolutamente ottimali. Nelle prossime ore continueranno le ricerche delle altre persone scomparse.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.