Crisi Ucraina, l’annuncio della TV russa: “L’Italia odia Draghi, è lui che disprezza Putin”

VLADIMIR SOLOVYOV, GIORNALISTA RUSSO VICINO A PUTIN, SPIEGA CHI SONO LE VERE MINACCE PER LA RUSSIA: LE SUE PAROLE RIPORTATE DALLA BBC

La Russia non molla la presa sull’Ucraina e l’esercito di Putin continua a bombardare le città del Paese governato da Wolodymyr Zelensky: l’escalation del Cremlino ha attirato, inevitabilmente, l’attenzione del resto del mondo e la NATO si è mossa rapidamente con pesanti sanzioni nei confronti dell’economia russa, con l’obiettivo di indebolirla e convincerla a desistere dalle operazioni militari. L’immagine di Putin, dei media locali e in generale della nazione si è senz’altro rovinata in seguito all’invasione dell’Ucraina, tuttavia “l’odio diffuso” per la Russia non è un sentimento comune. A farlo presente è stata la stessa tv locale che ha identificato un preciso responsabile per quanto riguarda l’Italia.

IL “PRETESTO” DI SOLOVYOV

Vladimir Solovyov, noto giornalista russo considerato da più fonti molto vicino a Vladimir Putin, si è scagliato contro Mario Draghi: Solovyov, come fatto presente su Twitter dal reporter della BBC Francis Scarr, ha protestato vibratamente contro la presunta esclusione della Russia dal Premio Dante, riconoscimento letterario italiano. “L’Italia – ha dichiarato Solovyov – che sembrava così vicina alla Russia, ha escluso dal Premio Dante alcuni eccezionali intellettuali. Perché? Perché erano russi. E gli italiani, dotati di una coscienza si sono profondamente vergognati di quello che è successo“…

SOLOVYOV CONTRO DRAGHI

Gli italiani – ha proseguito Solovyov – mi scrivono per dirmi di far sapere a Putin che non è il popolo italiano, è il Governo che disprezza la Russia“. Secondo il “portavoce” di Putin, dunque, sono i Governi a disprezzare il leader della Russia e non i cittadini. Il pretesto di Solovyov però sembrerebbe non aver alcun fondamento perché il Comitato di Lettura di Mosca è stato prima escluso dal premio Strega e poi reintegrato dopo il dietrofront del Ministero degli Esteri.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.