La minaccia nucleare di Putin all’Europa e lo scudo anti missili

La minaccia nucleare di Vladimir Putin all’Europa e lo scudo anti missili sono temi tornati prepotentemente di attualità negli ultimi giorni, dopo la fase finale di testing sul nuovo e micidiale Icbm della Russia, il “Sarmat”. Il senso è che Vladimir Putin fa maledettamente sul serio e che con il conflitto in Ucraina, l’Europa è diventata un obiettivo, specie se la guerra dovesse protrarsi in escalation.

La minaccia nucleare di Putin all’Europa

E in una intervista a Il Tempo Pierluigi Barberini, analista responsabile del Desk Difesa & Sicurezza del Ce.S.I., ha detto chiaramente che servono misure: “Le nostre difese oggi non bastano, dobbiamo proteggerci con un ‘ombrello’ anti-missilistico. La minaccia di attacchi missilistici in Europa è reale e non più futuribile”. Da qui un appello alla Nato che “negli ultimi 20 anni si è interessata alla contro-guerriglia, trascurando la componente anti-missilistica“.

Ma adesso lo scenario è diverso e “i russi hanno migliaia di missili di diversa gittata e con un margine di errore ormai nell’ordine dei pochi metri”.

Cosa ha la Nato da contrapporre

Barberini mette in spunta le armi di comparto a disposizione dell’Alleanza atlantica, sono due e sono poche: il Thad degli Usa e fuori quota l’Arrow 3 di Israele. Sono armi ce costano ed allo stato attuale solo la Germania potrebbe permettersi di assemblarne di simili.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.