BIMBA SCOMPARSA, LA CONFESSIONE DELLA MAMMA: COSA È SUCCESSO DAVVERO

Davvero un dramma incredibile quello della bimba scomparsa nei pressi di Campobasso, in Molise. Per fortuna si è concluso bene, ma rimangono ancora da appurare al meglio alcune dinamiche per constatare se vi siano responsabilità. In particolare, alcune dichiarazioni della madre sembrano contraddittorie.

La versione iniziale delle giovane 24enne, faceva riferimento ad una piccola distrazione di cui avrebbe approfittato la bimba per allontanarsi dall’abitazione. Ora, invece, il nuovo interrogatorio porta delle rilevanti novità. La dinamica dei fatti sembra aver preso una piega diversa rispetto alla prima ricostruzione: come sono andate davvero le cose?

ECCO LE NUOVE DICHIARAZIONI

Sono state 12 ore interminabili quelle prima del ritrovamento, piene di apprensione e ansia per l’incolumità della piccola, poi per fortuna ritrovata sempre nel territorio di Sant’Angelo Limosano. Ciò che lascia sgomenti, ora, è la nuova versione raccontata dalla madre della piccola in occasione del nuovo interrogatorio. 

Infatti, stando alle nuove dichiarazioni, la 24enne avrebbe raccontato che in realtà si era allontanata da casa quando la piccola è poi fuggita dall’abitazione. Convinta che fosse sufficiente chiudere l’appartamento a chiave, la bimba di 5 anni avrebbe tranquillamente aggirato l’ostacolo uscendo dalla finestra, grazie all’aiuto di una sedia. Questa risulta essere al momento la ricostruzione dei fatti più plausibile ma, gli investigatori, non escludono altre piste più inquientanti, come il coinvolgimento di una terza persona. 

In particolare, per gli inquirenti, potrebbe essere stato anche un parente a compiere il fatto, probabilmente per punire la madre di qualcosa. Sotto la lente di ingrandimento i rapporti delle 26enne con parenti o altre figure a lei vicine. La giovane donna, rischia ora di essere processata per omessa custodia e abbandono di minore. Gli investigatori hanno sentito anche la bambina, ma quest’ultima non è stato in grado di ricordarsi nulla di quanto successo prima del ritrovamento. Ciò che conta ora, è che la bimba abbia potuto riabbracciare i suoi familiari.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.