LA CONFESSIONE CHOC DI ALESSANDRA CELENTANO: LA SUA MALATTIA INVALIDANTE

Siamo abituati a vederla sempre battagliera e piena di energia nel corso delle puntate del talent show “Amici”. Questa volta, Adriana Celentano, decide invece di aprirsi e mostrarsi in una veste più inedita. Nel corso di un’intervista, ha parlato per la prima volta della malattia che l’ha costretta a ritirarsi nella veste di ballerina, ed intraprendere così un’altra strada.

La Celentano, nota per le sue intemperanze e la sua grinta, nella veste di insegnante che occupa nella nota trasmissione di Maria De Filippi, negli ultimi anni ha preso parte anche ad altre trasmissioni televisive, quali ‘Pechino Express’ e ‘Selfie- Le cose cambiano’. Vediamo le struggenti dichiarazioni che ha rilasciato.

ECCO COSA HA DICHIARATO
Alessandra, avvicinatasi alla danza da giovanissima, è stata una ballerina di successo, che nel corso degli anni 80 e 90, ha calcato i maggiori teatri in Italia e nel mondo. Purtroppo, ad un certo punto, la scoperta di un grave problema fisico l’ha costretta a ritirarsi dalla sua più grande passione, ed intraprendere, con grande successo, la carriera televisiva.

Secondo quanto rivela la Celentano, mentre era all’apice della carriera, ha iniziato dapprima ad avvertire dolori alla base delle dita dei piedi, che all’inizio ignorava sperando fosse un problema passeggero. Da grande battagliera quale era, ha continuato a ballare sino a che, intensificatosi il problema, si è dovuta rivolgere ad uno specialista. Ed ecco arrivare la doccia fredda della diagnosi: sindrome dell’alluce rigido.

Secondo quanto riferito dai medici, la patologia sarebbe insorta a seguito degli eccessivi sforzi e sollecitazioni alla quale, l’indomita ballerina, si sarebbe continuamente sottoposta. Costretta ad appendere le scarpette al chiodo, si sarebbe poi sottoposta ad un intervento chirurgico ad entrambi i piedi, che le garantisce ora di muoversi senza problemi, anche se, naturalmente, non può cimentarsi nelle movenze di quando era all’apice del successo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.