STANGATA SUI CONTI CORRENTI DEGLI ITALIANI IN ARRIVO: LE CAUSE

Tutti noi abbiamo sicuramente un conto corrente dove ci facciamo accreditare lo stipendio oppure collegato con qualche deposito in posta o in banca. Spesso non sempre preleviamo tutti i soldi dal nostro contro corrente, e diverse somme di denaro rimangono lì sopra. Solitamente non succede nulla: i soldi non spariscono da lì, ma in questo periodo di crisi internazionale le conseguenze potrebbero presto farsi sentire anche sui nostri soldi depositati nei conti. 

Se si lasciano in sostanza i propri soldi sul conto corrente è possibile che il “peso” del denaro diminuisca, questo a causa dell’aumento dei prezzi ad esempio delle materie prime, che stanno arrivando a raggiungere cifre record. A ciò si devono aggiungere le previsioni degli economisti per quanto riguarda l’inflazione, che potrebbe crescere ulteriormente nei prossimi mesi, con conseguenze devastanti per la nostra economia e per la tenuta sociale del Paese. 

COSA SUCCEDERÀ

Adesso porteremo degli esempi pratici su che cosa potrebbe succedere a breve sui conti correnti degli italiani. Dicevamo che l’inflazione, dovuta all’attuale situazione internazionale, potrebbe crescere ulteriormente. Prendiamo come esempio un conto corrente che ha un tasso di interesse annuo pari all1%

Se su questo conto ci sono depositate 100 euro, in un anno il “peso” del denaro crescerà di pochissimo, e alla fine quelle 100 euro depositate varranno soltanto un euro in più. Peggio ancora se l’inflazione dovesse arrivare a toccare il 5%: per avere 105 euro sarebbe necessario avere un rendimento pari proprio al 5%. Ma con l’inflazione, che potrebbe arrivare a sfiorare il 7% secondo gli analisti, la situazione non appare proprio rosea. 

Intanto gli italiani continuano a fare i conti con l’aumento del costo dei carburanti e delle bollette di luce e gas. Una situazione che sta diventando insostenibile, con gli stipendi che rimangono tutto sommato gli stessi. Ormai si fa veramente fatica ad arrivare alla fine del mese e se si continua così si rischia una crisi senza precedenti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.