Guerra in Ucraina, il video del bombardamento di Parigi: cosa sta succedendo

È diventato virale un video dove viene mostrato il bombardamento di Parigi. Il filmato, che sta facendo il giro del web, ha una funzione ben precisa. Cosa sta a significare?

https://network.loma-cms.com/real-adventure/?trk=dsk_tvzap

Il video del bombardamento di Parigi: cosa sta succedendo

La guerra in Ucraina ha avuto inizio il 24 febbraio scorso con l’invasione del paese da parte delle truppe russe. Il popolo ucraino sta combattendo contro l’offensiva russa e non sembrano voler arrendersi al combattimento. Tuttavia le armi che possiedono sono per la sola difesa. Gli ucraini ora però fanno una richiesta specifica tramite un video choc.

“E se al posto di Kiev ci fosse Parigi?”. Nel filmato si vede una simulazione del bombardamento di Parigi. Le immagini sono devastanti: la Torre Eiffel circondata da una nube nera, aerei che lanciano bombe sulla città, esplosioni, grida. Poi ad un certo punto il messaggio con la voce del presidente Zelensky. “Pensate se questo accadesse in un’altra capitale europea”.

guerra russia ucraina

Il motivo dietro il video choc

“No fly zone sopra l’Ucraina o dateci gli aerei. Se noi cadiamo, voi cadete”. Questo il messaggio degli ucraini, che chiedono agli altri paesi delle armi per bloccare l’avanzata russa. Al momento però sembra che gli altri paesi non siano inclini ad accettare la richiesta. D’altronde semmai qualcuno dovesse fornire delle armi pesanti, la Russia prenderebbe il gesto come un attacco vero e proprio, che potrebbe sfociare in un conflitto mondiale.

Una portavoce del Pentagono ha spiegato la situazione proprio in questi giorni. “La prospettiva di caccia a disposizione del governo degli Stati Uniti, e in partenza da una base Nato americana in Germania per volare in uno spazio conteso con la Russia sui cieli dell’Ucraina, pone serie preoccupazioni per l’intera alleanza Nato”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.