Si sente male in strada e muore tra le braccia della moglie

Una terribile tragedia ha scosso in questi giorni la comunità di Offida, in provincia di Ascoli Piceno. Secondo quanto si apprende dalla stampa locale e nazionale, un uomo di 40 anni è deceduto all’improvviso mentre si trovava in strada assieme alla moglie. Sembrava un momento come tanti altri, quando l’uomo ad un tratto non si è sentito bene. Con lui c’era perl’appunto la moglie, Emanuela, che svolge la professione di medico. A nulla sono valsi i tentati di rianimazione.

La vittima è Roberto D’Angelo, un uomo molto stimato nella cittadina in quanto è stato insegnante della scuola agraria Ulpiani. D’Angelo ha ricoperto anche diversi ruoli all’interno dell’amministrazione comunale della cittadina, di cui è stato anche assessore al Bilancio. Un uomo davvero ben voluto da tutti, generoso e sempre disponibile. Era anche un donatore Avis. La sua improvvisa scomparsa ha gettato nello sconforta tutta Offida.

Lutto in città
Sul luogo del fatto di cronaca sono immediatamente interventi i soccorsi, ma i sanitari non hanno potuto far altro che constatare l’avvenuto decesso di D’Angelo. Al momento, lo precisiamo per dovere di informazione, non sono note le cause che hanno portato l’uomo a sentirsi male e quindi a perdere la vita.

L’assessore Isabella Bosano ha detto che questi momenti sono brutti “per la comunità di Offida. Stiamo cercando le parole giuste in questo pozzo di emozioni nere, ma le parole giuste in queste occasioni non si trovano mai” – queste le parole dell’assessore Bosano. Anche il sindaco si dice fortemente provato.

“Siamo basiti, una morte inaspettata che ci ha lasciati nello sconforto. Roberto D’Angelo giovane solare, capace, attivo nell’associazionismo, una gravissima perdita per tutta la comunità” – così ha dichiarato Luigi Massa, sindaco di Offida. A breve forse si potranno conoscere ulteriori dettagli su questa tragedia. Non è il primo episodio del genere che si verifica in questo periodo in Italia. La Procura della Repubblica di Ascoli ha aperto un fascicolo di inchiesta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.