Firenze, terribile incidente sulla A1: veicoli a fuoco, due morti

Un gravissimo incidente stradale si è verificato nella giornata di ieri sulla A1, in Toscana, precisamente nei pressi di Scandicci, in provincia di Firenze. Secondo quanto si apprende dai media locali e nazionali, ad entrare in collisione sono stati un tir, un camper e un’auto. Le cause del sinistro sono ancora tutte da accertare con precisione, ma il bilancio è terribile e parla di due morti. L’impatto è stato violentissimo e i mezzi sono andati a fuoco.

Il fumo era visibile da centinaia di metri, sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi, in particolare i Vigili del Fuoco, i sanitari del 118 e le forze dell’ordine, che hanno proceduto ad effettuare i rilievi del caso e quindi a gestire la viabilità. Il tratto di strada interessato dall’incidente è stato chiuso completamente al traffico. Il sinistro si è verificato attorno alle 13:00 e soltanto alle 18:00 il traffico è tornato regolare, dopo la rimozione dei veicoli incidentati.

Inferno in autostrada
Un vero e proprio inferno quello che hanno visto ieri in autostrada gli automobilisti che percorrevano la A1. Per motivi di privacy non sono state diffuse le generalità delle vittime che, da quanto si apprende, sarebbero il conducente del Tir e una passeggera del camper. Le fiamme gli hanno intrappolati.

Il camion stava trasportando carta compressa. Quando i Vigili del Fuoco hanno spento l’incendio dei veicoli ormai non rimaneva quasi più nulla. Quella di ieri è stata la quarta giornata di disagi sulla A1. Già negli scorsi giorni infatti si sono registrati episodi simili. Le vittime del sinistro avevano 50 e 60 anni.

Nelle prossime ore si potranno conoscere sicuramente ulteriori dettagli su quanto accaduto ieri mattina sulla A1. Sempre ieri, poco prima delle 11, e sempre sulla A1, vi è stato un incidente stradale tra Calenzano e il bivio per la Direttissima. Stavolta non ci sono state grosse conseguenze per i passeggeri, ma il traffico ha subito notevoli rallentamenti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.