Morta in un disastro aereo la famosa cantante: “Non posso crederci”

Loading...

Si è spenta una stella della musica. “Non posso crederci”, ha scritto sui social il calciatore Neymar. La donna era molto apprezzata e amata dal pubblico. Ha lasciato un segno nel mondo della musica: cantava della forza delle donne.

Tragico incidente aereo, è morta l’amata cantante

Marilia Mendonca era famosa per la sua interpretazione del sertanejo, da alcuni descritto come la versione brasiliana della musica country statunitense. La donna aveva messo in risalto nei suoi brani la figura della donna, in un mondo prettamente maschile. Durante la sua carriera di successi, aveva anche vinto un Grammy latino. Aveva un figlio di due anni. La notizia della sua morte ha scosso la sua famiglia e tutti i suoi fans.

Loading...

La cantante aveva soli 26 anni ed era una vera e propria star della musica country brasiliana. Marilia Mendonca è morta in un incidente aereo nello stato sud-orientale di Minas Gerais. Si trovava sul velivolo per raggiungere un palco dove avrebbe cantato. Poco prima della partenza aveva postato un video in cui scherzava sulla qualità del cibo a bordo, annunciando “un weekend di spettacoli”. Ma come è avvenuto lo schianto?

La causa dell’incidente aereo

Mendonça si trovava a bordo di un piccolo aerotaxi nello Stato del Minas Gerais. Poco prima dell’incidente, aveva postato sui social network un video del suo imbarco e del suo pasto all’interno dell’aereo. Si stava recando nella città di Caratinga, poco lontano dal luogo del disastro, per un concerto. Poi lo schianto. Nell’incidente sono morti anche il produttore dell’artista, suo zio e i due piloti dell’aereo.

Secondo la polizia, la probabile causa dell’incidente è stata una collisione con un’antenna. “Mi rifiuto di crederci, mi rifiuto”, ha twittato il calciatore Neymar. “Sto piangendo. Penso di non poterci nemmeno credere”, ha scritto il musicista Caetano Veloso. Il presidente Jair Bolsonaro ha elogiato “uno dei più grandi artisti della sua generazione”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.