Charlene di Monaco ricoverata in ospedale dopo un collasso. La principessa era già stata operata: come sta

Loading...

Ci sono nuove notizie sullo stato di salute della Principessa di Monaco. Da quello che emerge in questi minuti, Charlène di Monaco sarebbe stata ricoverata in ospedale dopo aver avuto un collasso. Nelle ultime settimane la principessa è stata al centro di diverse voci e articoli di giornale a causa della sua lunga assenza dal Principato, per motivi di salute, anche se in molti hanno parlato di una crisi matrimoniale con tanto di divorzio in vista.

Charlene di Monaco ricoverata in ospedale

La principessa, 43 anni, moglie del principe Alberto, sarebbe stata ricoverata in ospedale in Sudafrica, dove si trova ormai da diverso tempo, dopo aver avuto un collasso.

A rivelarlo in queste ore è la Bild, famoso tabloid tedesco. Delle sue condizioni di salute si parla ormai da settimane. Charlène sarebbe stata trasportata mercoledì notte in una clinica, a bordo di un’ambulanza.

Loading...

Charlene di Monaco: i problemi di salute della principessa e le ultime notizie

La principessa è bloccata da mesi in Sudafrica, da quando, in primavera, ha lavorato al fianco di associazioni specializzate nel soccorso agli animali.

Dopo un periodo di attività la notizia di una grave infezione che avrebbe intaccato orecchio, naso e gola. Appena qualche settimana fa, il Principato di Monaco ha comunicato che la principessa ha dovuto subire un interventoil terzo da quando si trova in Sudafrica. L’operazione era durata 4 ore e ha richiesto l’anestesia totale.

Appena qualche ora fa, il principe Alberto ha rivelato a People che mancava poco al ritorno della principessa a Monaco. Avrebbe anzi specificato che la moglie è “ansiosa” di ricongiungersi con la sua famiglia ma che “Dipende da quello che dicono i medici.

Ma forse sarà prima del previsto“. “Dopo gli ultimi appuntamenti coi medici, sono abbastanza certo che riusciremo a ridurre un po’ quel lasso di tempo“, aveva aggiunto ancora.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.