La storia del gattino Cheeto, raccolto per strada da un uomo dal cuore grande

Loading...

Qualcuno lo ha abbandonato per strada incontro ad un triste destino, ma qualcun altro è intervenuto ed ha cambiato tutto: la storia di Cheeto

La storia del gattino Cheeto ci fa avere ancora tanta fede nell’umanità. L’animale è stato lasciato per strada, incontro al suo triste destino, finché un angelo non si è accorto di lui.

La storia del gattino Cheeto

Un uomo dal grande cuore ha notato gattino affamato, sporco e completamente infestato dalle pulci.

Era disidratato, aveva fame, freddo, era confuso e si vedeva che non stava bene. Era esausto della sua vita. Sono riuscito a prenderlo e a portarlo a casa. L’abbiamo chiamato Cheeto, perché il suo corpo era così magro e la sua testa così grande in confronto, come Chester Cheetah.

La storia del gattino Cheeto

La prima notte l’ho lasciato nell’appartamento con mia madre, non immaginando che tra loro sarebbe nato uno di quegli amori contro il quale nessuno può nulla. È diventata la nuova dolce casa di Cheeto.

Loading...

L’uomo ha mostrato su social tutte le immagini del salvataggio. Il gattino abbandonato in pessime condizioni, l’arrivo a casa e il bagno nel lavandino. Il pelo pulito e il gatto felice e sorridente in una cesta. Una nuova famiglia disposta ad amarlo e a prendersi quotidianamente cura di lui. E, soprattutto, pronta a dimostrargli che non dovrà più avere paura di essere abbandonato una seconda volta.

Queste sono storie che noi amiamo leggere e condividere con voi, perché ci fanno ancora avere fede nell’umanità. Siamo così abituati a leggere di abbandoni e maltrattamenti, che vedere un uomo che si ferma a raccogliere un micio per strada, ci scalda il cuore.

La storia del gattino Cheeto

Noi vogliamo dire grazie a questo utente del sito Reddit, di cui non conosciamo il nome. Se Cheeto oggi ha un’altra possibilità, è solo grazie a lui.

Non rimanete indifferenti davanti ad un animale in difficoltà. Anche se non potete portarlo a casa e prendervi cura di lui, basta una telefonata ai volontari e all’associazione del posto, per salvargli la vita.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.