Bimba di pochi giorni abbandonata nella culla per la vita: il bigliettino

Loading...

Ieri sera è suonato l’allarme nel reparto di neonatologia dell’ospedale Villa Scassi di Genova: qualcuno aveva lasciato una bambina di pochi giorni di vita nella “culla della vita”. È la prima volta che accade dal 2008, da quando cioè i Lions di Genova donarono la culla all’ospedale, come racconta Il Secolo XIX

La bambina sta bene, pesa due chili e 900 grammi, i parametri vitali sono regolari. Piangeva, ma quando il medico l’ha presa in braccio si è calmata. Un’infermiera le ha dato da mangiare, l’ha cambiata e poi l’ha messa a dormire. 

Loading...

Ora si trova insieme agli altri bambini del reparto. Prima di essere lasciata nella culla della vita, la bambina è stata accudita con amore, come testimoniano anche i quattro pannolini che sono stati trovati insieme alla piccola ed un bigliettino lasciato presumibilmente dai genitori biologici, nel quale c’era scritto il suo nome.

Neonata lasciata nella “culla della vita” al Villa Scassi di Genova: “Una storia a lieto fine”

“È una storia a lieto fine”, ha spiegato il primario, il dottor Vallarino. “Fino a che il giudice non deciderà a chi affidarla la terremo noi in reparto e la coccoleremo. Devo ringraziare chi ce l’ha consegnata perché lo ha fatto nel modo migliore possibile.

Ha fatto un sacrificio per dare un’esistenza migliore alla piccola. È tutto molto commovente”. La Direzione sanitaria ha segnalato il caso alla Procura che avvierà il procedimento di adottabilità della bimba.

“Non so se la piccina avrà una nuova famiglia oppure se la mamma ci ripenserà, ma posso dire che ha fatto un grande gesto d’amore”, ha aggiunto Vallarino. Sembra inoltre che qualcuno, poco prima di mezzanotte, abbia anche chiamato l’ospedale per sincerarsi che tutto fosse andato bene. E’ stato emozionante raccontare questa storia. Voi cosa ne pensate? Lasciateci un vostro commento sui social..

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.