Dritto e Rovescio, la giovane islamica scappata dalla famiglia di fondamentalisti: “Abusi da mio fratello”

Ha lasciato tutti senza parole la storia di una ragazza musulmana, Masuma, che ieri sera era in collegamento da Ferrara con Paolo Del Debbio a Dritto e Rovescio su Rete 4. La giovane ha raccontato di essere arrivata in Italia dal Bangladesh con la famiglia a a 6 anni: “All’inizio eravamo una famiglia felice come tutti, il declino è iniziato quando i miei genitori sono venuti a sapere che mia sorella aveva una relazione con un ragazzo italiano. Non l’hanno accettato, l’hanno presa a botte e mia sorella poi è scappata di casa”. Una vicenda molto simile a quella di Saman Abbas, la 18enne pakistana scomparsa e forse uccisa dai familiari per essersi opposta a un matrimonio combinato.

“Da quell’episodio lì ci sono state varie violenze in casa, anche abusi, che ho subito io dai miei fratelli. Nel 2011 ho chiamato i carabinieri perché per l’ennesima volta mio fratello stava picchiando mia mamma e quindi non ho retto – ha continuato Masuma ai microfoni di Dritto e Rovescio -. Per quella chiamata però poi mio fratello mi ha accoltellato alla schiena e alla testa”. La ragazza ha spiegato comunque di essere stata fortunata perché dopo poco tempo è intervenuta l’assistente sociale che l’ha portata via.https://platform.twitter.com/embed/Tweet.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-0&features=eyJ0ZndfZXhwZXJpbWVudHNfY29va2llX2V4cGlyYXRpb24iOnsiYnVja2V0IjoxMjA5NjAwLCJ2ZXJzaW9uIjpudWxsfSwidGZ3X2hvcml6b25fdHdlZXRfZW1iZWRfOTU1NSI6eyJidWNrZXQiOiJodGUiLCJ2ZXJzaW9uIjpudWxsfSwidGZ3X3R3ZWV0X2VtYmVkX2NsaWNrYWJpbGl0eV8xMjEwMiI6eyJidWNrZXQiOiJjb250cm9sIiwidmVyc2lvbiI6bnVsbH19&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1405636567251705859&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fnotiziariodelweb.com%2Fdritto-e-rovescio-la-giovane-islamica-scappata-dalla-famiglia-di-fondamentalisti-abusi-da-mio-fratello%2F&sessionId=eb93d7e54d951397d1dfb3d31bfd979c2ab5b0c3&theme=light&widgetsVersion=82e1070%3A1619632193066&width=550px

“Per due anni sono stata in una comunità e poi ho iniziato un percorso di affido con una famiglia, che è quella attuale”, ha raccontato Masuma, per la quale però l’ultimo periodo non è stato per niente facile: “Ho avuto varie crisi, perché non riuscivo a capire se avevo fatto la scelta giusta. Poi sono venuta a sapere che a 18 anni avrei avuto il rientro in famiglia e il mondo mi è crollato addosso perché non volevo ritornare lì dove avrei risubito violenze e abusi e anche un matrimonio forzato deciso dai miei genitori. Quindi ho tentato il suicidio e poi ho iniziato un percorso di cura da una psicanalista che mi ha salvato la vita”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.