Massimo Bossetti, la notizia improvvisa: arriva la confessione da parte della sorella

Loading...

Secondo la Corte d’Assise, la richiesta di indagini di tipo genetico sui avanzata dagli avvocati difensori di  Massimo Bossetti “poggia sul falso presupposto dell’esistenza di irrisolte anomalie negli accertamenti eseguiti e posti alla base della condanna del Bossetti”.

È quanto riportato da Ansa che ha potuto visionare il documento con la Corte d’Assise di Bergamo ha respinto gli accertamenti chiesti dalla difesa del muratore condannato in via definita all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, sui campioni raccolti durante le indagini.

Dunque nessuna “anomalia” per i giudici di Bergamo presieduti da Donatella Nava secondo cui: queste ultime infatti “sono già state contestate e vagliate nel corso del processo e tutte hanno trovato razionale spiegazione nelle sentenze di merito sulla base di logiche e coerenti argomentazioni valutate anche dalla Suprema Corte”.

Loading...

Nulla di fatto dunque per la richiesta avanzata dagli avvocati di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni e Paolo Camporini, che ora rischiano anche di essere accusati di calunnia. Durante l’udienza tenutasi lo scorso 19 maggio infatti, il procuratore capo Antonio Chiappani aveva chiesto la trasmissione degli atti alla Procura di Venezia per le “opportune valutazioni”, denunciando presunte scorrettezze da parte dei due difensori.

Gli avvocati di Bossetti nei mesi scorsi avevano presentato un esposto contro i magistrati bergamaschi in cui parlavano di illeciti sulla gestione dei reperti del caso Yara, accusandoli di depistaggio e frode processuale. Mentre al Ministero di Grazia e Giustizia avevano chiesto un provvedimento disciplinare contro la procura in merito alla conservazione delle prove, alcune delle quali “sarebbero state fatte sparire, come i guanti e le chiavi che la ragazzina aveva in tasca la sera della scomparsa”. Ora spetterà ai pm di Venezia valutare eventuali ipotesi di reato ai loro danni.

Intanto si è saputo che la Prefettura di Bergamo ha consentito a Laura Letizia Bossetti, sorella gemella del muratore condannato, di cambiare cognome. E’ lei stessa a confessarlo: “L’ho fatto solo per me stessa, per avere più tranquillità. Lo sapete voi che significa mandare una domanda di lavoro col cognome Bossetti?”, ha detto la donna in diretta tv con “Iceberg” su Telelombardia. La donna ha ribadito che il cambiamento nulla ha a che vedere con l’affetto verso il fratello, con cui però non avrebbe più alcun rapporto.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.