Il Pd abolisce maschile e femminile: usa il neutro con la e rovesciata (schwa “ǝ”). FdI: «Ridicoli»

Loading...

La lingua italiani si “arricchisce” di un simbolo grafico: lo schwa, quella “e” rovesciata che corrisponde a un suono tanto caro alla lingua inglese, ma difficilissimo da pronunciare nella nostra. A introdurre la novità non è stata l’Accademia della Crusca, magari in ossequio ai numerosi anglismi ormai in uso nel linguaggio corrente, ma il Comune di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, in ossequio al politicamente corretto e al pensiero genderless. L’amministrazione guidata dal sindaco Pd Giovanni Gargano ha infatti annunciato trionfalmente sulla pagina Facebook che «abbiamo deciso di adottare un linguaggio più inclusivo: al maschile universale (“tutti”) sostituiremo la schwa (“tuttə”), una desinenza neutra».

«Moltǝ nostrǝ bambinǝ e ragazzǝ torneranno in classe»

Così nelle comunicazioni del Comune, come ricordato dallo stesso post, i cittadini «da diverse settimane» hanno «visto comparire il simbolo presente nella card, la schwa, ǝ, a chiusura di alcuni termini usati». Esempi in questo senso si trovano sulla stessa pagina del Comune, dove il 5 aprile, per esempio, è stato pubblicato un annuncio sul fatto che «a partire da mercoledì 7 aprile moltǝ nostrǝ bambinǝ e ragazzǝ potranno tornare in classe!»

Loading...

La «valorizzazione delle differenze» per la giunta Pd

L’annuncio che ufficializza l’uso dello schwa prosegue con una «breve spiegazione di cosa si tratta». «Il rispetto e la valorizzazione delle differenze sono principi fondamentali della nostra comunità e il linguaggio che utilizziamo quotidianamente dovrebbe rispecchiare tali principi», scrive l’amministrazione di Castelfranco Emilia, aggiungendo che «vogliamo fare maggiore attenzione a come ci esprimiamo. Il linguaggio infatti non è solo uno strumento per comunicare. Ma anche per plasmare il modo in cui pensiamo, agiamo e viviamo le relazioni».

In Comune costretti ad allenarsi sul nuovo suono

Dunque, «abbiamo deciso di adottare un linguaggio più inclusivo: al maschile universale (“tutti”) sostituiremo la schwa (“tuttə”), una desinenza neutra. Questo non significa stravolgere la nostra lingua o le nostre abitudini. Significa – è l’idea della giunta Pd del comune emiliano – fare un esercizio di cura e attenzione verso tutte le persone. In modo che si sentano ugualmente rappresentate. È un passo importante – è la conclusione trionfale del post – verso uno dei nostri obiettivi: una società e una comunità inclusiva, equa e coesa!». E ora, ha chiarito l’assessore alla Comunicazione del Comune, il laureando in Scienze della Comunicazione, Leonardo Pastore, che sarebbe l’ideatore della novità, «in Comune ci stiamo allenando a pronunciarlo».

Bignami: «Ma vi rendete conto?»

«Ma vi rendete conto?», ha scritto su Facebook il deputato di FdI, Galeazzo Bignami, rilanciando il post di Castelfranco Emilia sulla sua pagina. Significativo che Bignami si sia limitato a sintetizzare la notizia, senza aggiungere ulteriori annotazioni o chiose. Come a dire: la notizia si commenta da sé.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.