Meloni: «Scoperte 22 società cinesi “apri e chiudi” per non pagare le tasse. La misura è colma»

Loading...

“La Guardia di Finanza ha scovato 22 società cinesi ‘apri e chiudi’. Create ad hoc per fare false fatturazioni e permettere alle altre società cinesi di ottenere vantaggi fiscali. Per non pagare le tasse“. La denuncia è di Giorgia Meloni che da anni combatte, inascoltata, su questo fronte.

Meloni: scovate 22 società cinesi ‘apri e chiudi’

Una frode stimata di circa 40 milioni di euro sottratti al fisco italiano. “Sono anni che denunciamo le società “apri e chiudi” riconducibili a soggetti inesistenti. E  abbiamo più volte presentato in Parlamento una nostra proposta di legge per difendere la legalità. E il commercio italiano dalla concorrenza sleale“.

Tutti gli extracomunitari che vogliono fare impresa in Italia – spiega la leader di Fratelli d’Italia –  devono versare all’atto della costituzione della società 30mila euro, che saranno poi detratti dalle tasse nel corso degli anni. È arrivato il momento di stroncare il saccheggio del commercio predatorio. Il governo si schieri con i commercianti italiani e con la legalità, e approvi subito la nostra proposta che sarà ripresentata in manovra“.

Loading...

“Fdi ha sempre risposto agli appelli di Mattarella”

“Fin dall’inizio dell’emergenza Covid, Fratelli d’Italia ha presentato le sue proposte concrete. E ha sempre risposto agli appelli del presidente della Repubblica Mattarella. Che hanno richiamato il governo e le forze politiche alla collaborazione e al dialogo. Abbiamo la coscienza a posto. E lo dimostrano gli oltre duemila emendamenti che il nostro movimento ha presentato ai decreti economici del governo. Tutti bocciati dalla maggioranza”.

La sinistra gioca a dividerci, non ci riuscirà

Ma non basta, incalza la Meloni. “Abbiamo rinnovato la nostra collaborazione presentando in conferenza stampa, poco più di dieci giorni fa, 5 priorità su cui intervenire. Dai ristori per tutte le attività che hanno avuto un calo del fatturato superiore al 33% a un sistema unico di ammortizzatori sociali. Dal governo e dalle forze di maggioranza nessun risposta”.   Curiosamente però – prosegue – il Pd e il M5S sono diventati particolarmente loquaci quando a presentare proposte sostanzialmente simili è stato un altro partito di centrodestra”. Un gioco sporco. “Anche oggi sulla stampa abbiamo letto interviste a esponenti di primo piano del Pd e dei5Stelle, che ribadiscono lo stesso concetto. Ed escludono FdI dal confronto”.

Meloni: sulla  manovra dimostreremo di essere compatti

“L’obiettivo della sinistra non è occuparsi dei problemi degli italiani ma usare ogni pretesto per tentare di dividerci. Non ci riusciranno”, ribadisce la Meloni. “Il centrodestra è unito e compatto. Elaborerà a una proposta comune sulla legge di bilancio. Sfideremo in Parlamento la maggioranza e vedremo se, dietro le interviste e gli annunci a favore di telecamera, c’è una reale volontà di collaborare. O se siamo davanti  all’ennesimo bluff“.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.