I fratelli Bianchi sul reddito di cittadinanza: “Soldi rubati allo Stato, non ci hanno bloccato niente”

Loading...

“Gli ho dato na zampata, è cascato a terra e si è rialzato”. Marco Bianchi, indagato assieme al fratello Gabriele, a Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, racconta così il pestaggio che ha portato all’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Il giovane ora in carcere è stato intercettato mentre raccontava al terzo fratello (lui estraneo alla vicenda) quando accaduto quella maledetta notte a Colleferro, Roma. Quando il 21enne ha perso la vita dopo una banale discussione. Un racconto, secondo il gip di Velletri Giuseppe Boccarrato, che aggrava la posizione dei 4 indagati. Tutti già detenuti per omicidio preterintenzionale tranne Belleggia che si trova invece ai domiciliari.

Loading...

Ma le intercettazioni non finiscono qui. Anche Mario Pincarelli – stando a quanto riportato dal Giornale -si lascia andare parlando con il padre: “Stamme a sentì – dice l’uomo al ragazzo – tu devi parlà solo con l’avvocato. A me non mi devi dire niente”. E il giovane risponde in romanesco: “Solo io so un po’ rovinato, gli so tirato quando stava da per terra a chiglio”. Immediata la reazione del padre che gli ricorda di stare zitto”. La dichiarazione ha infatti portato il gip a pensare che Pincarelli abbia colpito la vittima quando questa era già in terra. Poi un’altra intercettazione chiave, quella relativa al colloquio tra Marco Bianchi e il fratello estraneo ai fatti. In questo caso Marco se l’è presa con i giornali colpevoli, a suo dire, di aver diffuso notizie false sul reddito di cittadinanza percepito dai familiari. “C’ha diritto al reddito di cittadinanza, che so’ soldi rubati allo Stato, – dice Alessandro rivolgendosi al fratello -tutte ca***e, mica lo pigli tu a nome tuo? Lo piglia papà. La Finanza non ha bloccato niente, è tutto regolare”.

A entrare nel dettaglio di quanto accaduto è Michele Cerquozzi, amico dei due indagati: “Ricordo che Omar (il ragazzo che ha richiesto l’intervento dei fratelli Bianchi) urlava frasi del tipo Fermatevi, fermatevi. Poi Omar è andato verso Gabriele (Bianchi, ndr) cercando di fermarlo perché aveva visto che stava picchiando i giovani, ma non so chi. Ma a dire di Omar Gabriele era una furia e non riusciva a tenerlo e quando gli è scappato dalla sua presa Omar si è spostato e Gabriele ha continuato a picchiare non so chi”. Tutte dichiarazioni che fanno credere alla procura si tratti di omicidio volontario aggravato da futili motivi. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.