Pier Ferdinando Casini premier, “borsino impazzito”. Le voci sul “Mister X” di Mattarella

Loading...

Il borsino del toto-premier segnala in clamoroso rialzo le quotazioni di Pier Ferdinando Casini. Proprio lui, l’eterno ex democristiano, il padre nobile dei “senatori responsabili”, l’uomo eletto con il Pd nel 2018 a Palazzo Madama, confluito ben presto nel Gruppo Misto, assai critico con Giuseppe Conte durante la gestione di questa folle crisi di governo eppure pronto a votare la fiducia in aula per non farlo andare a casa subito. Poi di nuovo duro con l’ex avvocato del popolo, colpevole di aver fatto “errori da dilettante” dal punto di vista strategico e tattico. 

Il Quotidiano nazionale indica dopo la prima interlocutoria giornata di consultazioni al Quirinale proprio nel senatore bolognese uno dei favoriti per succedere a Conte a Palazzo Chigi. Certo, la situazione è ancora magmatica e tutto dipenderà da quanti “europeisti” il premier dimissionario riuscirà a trovare nelle proprie ore. Mancano almeno altri 6 senatori per non essere dipendente da Matteo Renzi e Italia Viva, ma non è detto che una siffatta maggioranza Frankenstein e raccogliticcia possa accontentare il presidente Mattarella. Ecco perché il Capo dello Stato starebbe studiando ogni possibile alternativa al Conte Ter.

Loading...

I nomi in ballo? Paolo Gentiloni, con Renzi che ha vagheggiato un improbabile scambio tra il commissario Ue, richiamato a Roma, e Conte spedito a Bruxelles. Se il perimetro della maggioranza dovesse tornare a comprendere Italia Viva, ecco allora le carte di un premier M5s (Roberto Fico? Luigi Di Maio? Stefano Patuanelli?) o del Pd (il ministro Lorenzo Guerini, ritenuto “di secondo piano”). Se invece il Colle spingerà per una maggioranza allargata a frange del centrodestra (Forza Italia, anche la Lega nello scenario più estremo), ecco allora Casini, l’uomo in grado di cucire insieme Pd, Silvio Berlusconi e – quasi fantapolitica – Matteo Salvini. In realtà, il suo profilo coincide perfettamente con quella “maggioranza Ursula” auspicata da molti azzurri, con i 5 Stelle dentro per terrore delle urne. Casini è considerato “superpartes, con buoni rapporti in tutto l’arco parlamentare e con grande esperienza della macchina del Palazzo.

Se invece si arriverà a un governo di unità nazionale più propriamente tecnico, largo ai soliti noti Marta Cartabia o Mario Draghi. Anche se non si esclude un “Mister X”, un cappello dal cilindro tirato fuori da Mattarella come fu Carlo Cottarelli nel 2018, per qualche giorno. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.