Il Recovery di Berlusconi. “Tre riforme chiave: fisco giustizia e burocrazia”

Loading...

Il Recovery plan secondo Silvio Berlusconi è strategico e concreto, ben diverso da quello di Palazzo Chigi.

Invece di sprecare in mille rivoli e bonus i 209 miliardi dell’Europa, dice il leader di Forza Italia, bisogna concentrarsi su tre grandi riforme strutturali, le fondamenta del palazzo Italia.

Per quello che chiama il «Piano Marshall del XXI secolo», il Cavaliere avverte il premier Conte: «Basta con la spesa dispersiva e orientata al consenso». La proposta di 200 pagine, illustrata in una lettera al Sole 24 ore, sarà presentata ufficialmente oggi alle 16 in una conferenza stampa su Zoom, con l’aiuto 237 slide. Rappresenta, dice Berlusconi, «un grande progetto di rilancio del nostro Paese, con una particolare attenzione al Mezzogiorno». Riforma della Pubblica amministrazione, del fisco e della giustizia, sono le basi per la ricostruzione dopo la pandemia, secondo Fi.

Il leader azzurro parla da convinto europeista, l’unico nel centrodestra, e rivendica di aver molto lavorato a Bruxelles, con il suo vice, ed ex presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, perché si arrivasse a questo poderoso piano di aiuti all’Italia. «Senza uscire dall’oppressione fiscale – spiega -, burocratica, giudiziaria l’Italia non potrà mai proiettarsi davvero verso la modernità. La sfida del Recovery è quella di coniugare riforme oramai improcrastinabili come pre-condizione dalla quale far discendere i progetti da finanziare con le risorse a disposizione. È necessario un cambio di paradigma nel rapporto fra pubblico e privato, basato sulle centralità della persona soggetto di diritti e di beni, che lo Stato può sottrarre solo con limiti rigidi e per ragioni di stretta necessità».

Loading...

La proposta di Fi, cui ha molto lavorato insieme a Tajani anche Giorgio Mulè, coordinando i 28 dipartimenti azzurri, traccia la rotta e le linee principali su cui muoversi ma va anche nei dettagli di ogni intervento settoriale. Per la giustizia, ad esempio, si suggerisce di ridurre i collegi in Cassazione da 5 a 3 giudici, come negli altri gradi, aumentando così le forze per ridurre l’immenso arretrato. Per la sanità si vuole potenziare le strutture sul territorio, in modo da ridurre l’accesso agli ospedali ai reali casi di necessità. Per la Pubblica amministrazione si chiede la semplificazione in materia di appalti. Per le infrastrutture si affronta anche il progetto sempre caro al Cav del ponte sullo Stretto, per Roma si indicano interventi specifici per la viabilità dalle strade alla metro, per campi che vanno dall’agricoltura alla pesca si punta anche sulle applicazioni possibili grazie alla «economia dello spazio», per la crisi demografica si indica come utilizzare 30 miliardi, per i giovani si chiedono investimenti su formazione professionale, voucher per il lavoro, incentivi fiscali e contributivi per le nuove assunzioni.

Secondo Mulè, Berlusconi dà una lezione alla maggioranza, che «in queste ore non è preoccupata di perfezionare i progetti del Recovery ma delle quote tra i partiti con le poltrone da dividere». Quello individuato dal Cav è «un cronoprogramma dettagliato, mentre il governo è fermo nella palude dell’inconcludenza», fa eco la presidente dei senatori azzurri Anna Maria Bernini. E di «rivoluzione del buon senso e del pragmatismo» parla la capogruppo alla Camera, Mariastella Gelmini. A Conte, che promette di riattivare il confronto con parlamento e opposizione, risponde la vicepresidente azzurra della Camera, Mara Carfagna: «Parole già sentite cui non sono mai seguiti i fatti. Sui fondi europei non si può giocare una partita in solitaria».

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.