L’ignobile “sfida” social contro Selvaggia Lucarelli: “Duemila euro a chi fa pipì sulla sua foto”

Loading...

Selvaggia Lucarelli è finita vittima di un vergognosa “sfida” social, denunciata da lei stessa sul suo profilo Twitter.  “Oggi una pagina da 2 milioni e mezzo di utenti ha pubblicato il video di un tizio (che ha 25mila follower) che fa la pipì su una mia foto alla stazione di Torino, offrendo duemila euro a chi mi avrebbe taggata più volte“, ha raccontato sul social Lucarelli, pubblicando anche lo screenshot di un post in cui si vedono la sua foto a terra e i piedi di un uomo che immortala la scena dall’alto.

Loading...

L’amarezza di Lucarelli: “Va così”

La Lucarelli, postando la foto, ha tagliato il nome del profilo, chiarendo che però “sono arrivati circa 20mila tag col mio nome”. “Va così”, ha concluso, manifestando tutta la sua amarezza per un gesto che va oltre qualsiasi limite consentito e rispetto al quale anche lei, sempre pronta alla polemica, sembra poter solo attingere allo sconforto. Ma che, lo stesso, sembra fare proseliti. Fra i quasi 140 commenti al tweet arrivati in poche ore, infatti, c’è anche chi giustifica. “Chi semina raccoglie”, ha scritto G. “Dà la misura di quanto sei simpatica e gradita agli italiani. E oggi era solo il primo giorno”, ha aggiunto E. C’è stato addirittura chi ha sostenuto che si trattasse di una forma di autopromozione. “E quanto l’hai pagato per far dare 2000 euri a chi t’ha pisciato in testa? Ottima operazione, da inserire nei manuali di marketing. Roba degna delle migliori trovate di Fruttero e Lucentini, buonanime”, ha scritto un utente che si cela dietro un profilo anonimo.

I messaggi di solidarietà

La maggior parte dei commenti, però, è stata di solidarietà a Selvaggia Lucarelli e di netta condanna del gesto, tra chi – come R. – si chiede “come possiamo fermare questa follia”, e chi – come L. – pur chiarendo di non condividere le idee e lo stile della Lucarelli, le esprime per questo gesto di “demenza totale” una solidarietà incondizionata.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.