La Cina torna a far tremare, un caso di peste bubbonica. Dichiarato lo stato di emergenza

Loading...

La Cina torna a far preoccupare il resto del mondo. E’ stato dichiarato lo stato di emergenza di livello 4 nella contea di Menghai, nello Stato dello Yunnan, dopo che un bimbo di tre anni è rimasto contagiato dalla peste bubbonica. Lo riferisce il Global times. Arginata l’emergenza coronavirus, ora Pechino potrebbe ritrovarsi a dover fronteggiare la possibilità di un’altra epidemia potenzialmente letale per gli esseri umani. Tutto è iniziato nei giorni scorsi, dopo il ritrovamento di alcuni ratti morti per peste bubbonica a cui aveva fatto seguito l’avvio di un programma di screening nazionale, tramite il quale è emerso il contagio del bambino.

Loading...

Gli esperti ipotizzano che la diffusione del virus sia stata veicolata proprio dai topi, ma non escludono nemmeno che possa essere giunta dalla confinante Mongolia, a nord del Paese, dove lo scorso agosto due persone sono morte di peste bubbonica nella regione autonoma della Mongolia interna. Si trattava di un pastore e di un ragazzo di 15 anni che aveva rincorso il proprio cane con in bocca una marmotta morta. Da allora 17 province su 21 sono state dichiarate a rischio per il diffondersi del morbo. Secondo quanto riferito dall’amministrazione locale il bambino avrebbe comunque sintomi lievi, non sarebbe per ora in pericolo e non ci sarebbero notizie di altre persone contagiate. «Sul posto, è stato istituito un team professionale di esperti per eseguire ispezioni, diagnosi e quarantena, per condurre un’indagine completa sui pazienti con febbre e per attuare l’isolamento e la diagnosi dei pazienti sospetti e varie attività di prevenzione e controllo epidemico», si legge nel comunicato.

La peste bubbonica, secondo il portale  «Epicentro» curato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), è la forma di peste più comune e si trasmette tramite la puntura di pulci infette o per contatto diretto tra materiale infetto e lesioni cutanee di una persona. Sintomo tipico di questa infezione è la comparsa di bubboni, cioè ingrossamenti infiammati delle ghiandole linfatiche, accompagnati da febbre mal di testa, brividi e debolezza. La peste bubbonica, altamente contagiosa, nel 1300 uccise circa 50 milioni di persone in Africa, Asia ed Europa. Venne chiamata «morte nera» a causa dei bubboni dic olore scuro che si formano sui corpi dei contagiati.

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.