Mattia Santori insulta Matteo Salvini: “Un bollito, Luca Zaia lo batte perché è uno zombie”

Loading...

Dopo essersi presi il merito della vittoria del centrosinistra in Toscana, le Sardine si prodigano in lezioni di politica. A rompere il silenzio dopo le Regionali del 20 e 21 settembre ci pensa, più puntuale che mai, il leader dei pesciolini: Mattia Santori. Protagonista indiscusso delle invettive della sardina è Matteo Salvini: “Che il leader della Lega fosse bollito lo diciamo da novembre 2019″, ha detto senza pudore all’Adnkronos. Quello della Toscana è però un vero e proprio pallino per Santori: “Qui – prosegue smentendo quanto detto giorni fa – si rischia di finire come le Marche, dove per troppo tempo si è smesso di rinnovare e si è data per certa la fiducia degli elettori”. Peccato però che prima delle elezioni il pesciolino si era detto “fiducioso dell’intelligenza dei toscani”.

Loading...

Le sparate a zero della Sardina non finiscono: “Salvini a furia di girare l’Italia promettendo ‘prima voi’ ha fatto venire il dubbio a chi pensava veramente di essere il primo. Luca Zaia – passa poi al dualismo interno al Carroccio – batte uno zombie. Lui non è meglio di Salvini, è più intelligente e più credibile ma ugualmente spregiudicato nel manipolare il consenso. Si è saputo difendere bene e, purtroppo, Lorenzoni non ha avuto sostegno da chi lo ha candidato”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.